VIOLENZA SESSUALE CONTRO LA GIOVANE STRANIERA ADDORMENTATA SUL TRENO DELLA NOTTE, UN LECCESE DI 64 ANNI FINISCE IN CARCERE A BOLOGNA

| 27 Agosto 2015 | 0 Comments

(t.l.)______Un salentino di 64 anni, originario della provincia di Lecce, S. N.  si trova in carcere a Bologna con l’ infamante accusa di violenza sessuale. I fatti sono successi questa notte a bordo del treno intercity Roma- Trieste. Approfittando del fatto che lei dormiva, probabilmente dopo averla precedentemente adocchiata, l’ uomo si è introdotto nello scompartimento dove una ragazza moldava di 23 anni si era adagiata sui sedili per riposare. Pensando di poter agire indisturbato le ha infilato la mano sotto i pantaloni “palpandole le parti intime”, come è scritto nel rapporto degli agenti della Polizia ferroviaria prontamente interventuti. La ragazza infatti si è svegliata, ha capito l’ accaduto e ha dato l’ allarme, mettendosi a gridare, mentre l’ uomo si dileguava. Quando sono arrivati gli agenti, ha raccontato loro quanto successo e ha fornito una precisa descrizione dell’ aggressore. Dopo pochi minuti gli agenti lo hanno rintracciato in un altro scompartimento, dove credeva di stare al sicuro.

Lo hanno arrestato e portato nel carcere di Bologna: “palpare le parti intime”, o pure cercare di farlo, equivale né pi§, né meno al reato di violenza sessuale.

Fondamentali per l’ individuazione del presunto responsabile l’ intervento di altri passeggeri, che, unitamente alla vittima, non hanno avuto dubbi nel riconoscere nell’ arrestato l’ autore dell’ aggressione.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento