SORPRESO CON LA REFURTIVA E GLI ATTREZZI DA SCASSO

| 2 settembre 2015 | 0 Comments

(g.m)_____I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano- Aliquota Radiomobile- hanno tratto in arresto, nella nottata odierna, per furto aggravato:
CARACCIO Alessandro, 24enne, nullafacente, conosciuto FF.PP.
I fatti per i quali si è proceduto all’arresto hanno avuto origine nella nottata, in zona periferica di Casarano, ove i militari del Nucleo Radiomobile impegnati nello specifico servizio di controllo del territorio, finalizzato anche alla prevenzione dei reati contro il patrimonio e la persona, insospettiti dalla presenza di un motocarro ape parcato in zona periferica nei pressi di un negozio di articoli per il giardinaggio, si appostavano per meglio procedere ad un controllo del veicolo, da un controllo più accurato poco lontano notavano un lucchetto rotto con la relativa catena tranciata. Intravedevano dopo pochi istanti, la presenza di un soggetto intento a trasportare una rete metallica il quale, sorpreso dalla presenza dei militari, cercava di nascondersi in un gabbiotto. A quel punto date le circostanze provvedevano a fermare l’uomo il quale in un primo momento riferiva di essere stato autorizzato dal proprietario a prelevare del materiale, in un secondo momento accertata la responsabilità del reo nella commissione del furto, si procedeva ad accompagnarlo in caserma. All’interno del motocarro, venivano rinvenute diverse bombole di gas da cucina, vari attrezzi di lavoro utilizzati per il giardinaggio, e rotoli di rete metallica ancora imballata. Tutto il materiale rinvenuto, dopo averne accertato la provenienza furtiva, veniva riconsegnato al proprietario, gli arnesi utilizzati per lo scasso invece venivano sottoposti a sequestro unitamente al motocarro.

Il tutto concordato con il PM di Turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Dott. Gagliotta, il quale disponeva l’accompagnamento del prevenuto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

 

 

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento