SQUINZANO: I CITTADINI REPLICANO AL SINDACO ESIBENDO DATI E DOCUMENTI

| 2 settembre 2015 | 0 Comments

Comunicato Stampa Attivisti del  Meetup “Squinzano a 5 Stelle” differenze tra parole e verifica dei dati, tra chi propone e chi non risponde ufficialmente ma solo tramite stampa.
Replicando alle affermazioni rilasciate in data 29 agosto u.s. dal Sindaco di Squinzano, Avv.  Mino Miccoli, al giornale on line Paise Miu,  gli Attivisti del Meetup Squinzano a 5 Stelle precisano quanto qui di seguito.

Constatiamo con piacere che a parere del Sindaco “tutti gli edifici pubblici siano stati efficientati da un punto di vista energetico”. Sarebbe interessante conoscere cosa intende il primo Cittadino con tale affermazione. Vuole dire che tutti gli edifici pubblici producono acqua calda senza ricorrere a gas o energia elettrica? Intende dire che tutti gli edifici sono dotati di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica sia da immettere in rete con scambio sul posto sia nella cosiddetta produzione “ad isola”? Intende dire che non era necessario sostituire vecchie lampade con nuove a basso consumo, il cosiddetto “relamping”? O confonde il relamping con le lampade abbronzanti? Possibile che non era assolutamente necessario a Squinzano nessun ulteriore intervento di efficientamento energetico?

In merito ai dati relativi ai consumi di energia elettrica del Comune di Squinzano, portiamo alla Sua conoscenza che i predetti dati appaiono indubbiamente veritieri, dal momento che la fonte da cui scaturiscono è quella del sito www.Siope.it, sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici affidato alla Banca d’Italia. Consultando il Prospetto Annuale 2014 dei pagamenti effettuati nell’anno 2014 risulta che il Comune ha speso per “Utenze e canoni per energia elettrica” € 723.472,53 importo peraltro in aumento rispetto al 2013 quando per “Utenze e canoni per energia elettrica” ha speso € 609.997,87 con un incremento del 18.60%, nonostante a suo dire si sia già proceduto all’efficientamento energetico degli edifici pubblici. Saremmo, pertanto, desiderosi di conoscere (sperando che sia la volta giusta) ed eventualmente acquisire copia di tutta la documentazione che certifichi la presunta spesa da Lei citata, ovverosia solo € 50.000.

Con riferimento al tema dei rifiuti, suscita inesauribile ilarità quanto da Lei evidenziato circa la depositata denuncia penale dell’esosa Tares ad opera di alcuni Attivisti. Tutti i cittadini (e sono tanti) hanno deliberatamente e spontaneamente sottoscritto la denuncia, consapevoli che la stessa sarebbe stata depositata in Procura.

Le ricordiamo che il raggiungimento di differenziata al 70% è esclusivo e puro merito dei cittadini che virtuosamente cercano di attenersi alle modalità di raccolta, con l’impegno di migliorarla. Un plauso va certamente a loro e non certo a Lei e alla Sua Amministrazione che avreste l’unico obbligo verso i cittadini di conoscere e applicare perfettamente il Regolamento comunale per la disciplina della IUC, il quale cita testualmente all’Articolo 26 inerente la Riduzione della tassa sui rifiuti per la raccolta differenziata da parte delle utenze domestiche:“1. Per assicurare la riduzione per la raccolta differenziata riferibile alle utenze domestiche, la tariffa, sia per la parte fissa sia per quella variabile, è ridotta del 30% dell’incremento della percentuale della raccolta differenziata rispetto all’anno precedente”.

Le chiediamo quindi: quando e come applicherete ai Cittadini la riduzione citata al suddetto articolo dall’Amministrazione adottato?

Gli Attivisti di Squinzano a 5 Stelle sono un gruppo di cittadini che, mossi principalmente dai sentimenti di onestà e trasparenza, interessandosi a diversi argomenti della cosa pubblica e approfondendoli anche consultando degli esperti, hanno presentato delle istanze per dare suggerimenti e/o ottenere chiarimenti. Di seguito un sintetico elenco:

  • 11.5.2015  Oggetto: proventi delle sanzioni amministrative.
  • 08.06.2015  Oggetto: affidamento manutenzione lido, sistemazione e pulizia aree  a parcheggio e lungomare in località Casalabate.
  • 12.06.2015  Oggetto: proposta di adesione al “Progetto Decoro Urbano”
  • 22.06.2015  Oggetto: Tutela della salute pubblica – Utilizzo di prodotti  fitosanitari e pesticidi nel territorio comunale. 
  • 26.06.2015  Oggetto: decoro urbano – operazioni di spazzamento strade Via  Crocifisso, Via San Francesco e aree limitrofe del 24 giugno 2015;
  • 26.06.2015  Oggetto: richiesta di censimento alberi monumentali;
  • 26.06.2015  Oggetto: Avviso Comuni per la Sostenibilità e l’efficienza  Energetica – Cse 2015.
  • 11.08.2015  Oggetto:  Richiamo all’adempienza della L.R. N. 43/2013  “Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP)”.  Richiesta fiscalità agevolata per i locali “NO SLOT”; 
  • 22.08.2015  Oggetto: Richiesta di Istanza per il finanziamento di interventi  di recupero, restauro e valorizzazione di beni culturali  architettonici e di beni artistici;
  • 31.08.2015  Oggetto: Richiesta riprese in diretta via streaming delle sedute del  consiglio comunale di Squinzano, art. 38 Statuto Comunale.
  • 31.08.2015  Oggetto: Petizione popolare a tutela della salute pubblica art. 38  Statuto Comunale.

Alle suddette istanze, il Primo Cittadino ha l’obbligo di rispondere entro trenta giorni, obbligo sancito dall’Articolo 38 dello Statuto Comunale che così recita:

“1. Ogni cittadino, in forma singola o associata, può rivolgere al Sindaco istanze, petizioni e proposte dirette a promuovere una migliore tutela di interessi collettivi. 2. Il Sindaco ha l’obbligo di esaminarle tempestivamente e di far conoscere agli interessati la decisione che ne è scaturita entro trenta giorni dalla presentazione”.

Ad oggi nessuna risposta scritta è mai pervenuta. È un paradosso leggere che Lei si definisca aperto al confronto con chi la pensa diversamente, mentre, in realtà, ha utilizzato un giornale on line, dando pareri e giudizi personali sui componenti del gruppo, anziché rispondere nel merito. “L’avvocato di successo” dovrebbe conoscere perfettamente che ingiurie ed offese gratuite che toccano la sfera privata e non solo, sono perseguibili a querela di parte. Sorprende non poco la Sua vera caduta di stile, ancor più nel Suo ruolo istituzionale di Primo Cittadino.

La nostra DROGA  è l’onestà, ragion per cui continueremo a pretendere da chiunque amministri la dovuta trasparenza, auspicando sempre più partecipazione da parte dei cittadini squinzanesi.

Category: Politica

Lascia un commento