ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI LECCE LA DEMOCRAZIA E’ UN OPTIONAL

| 12 Settembre 2015 | 0 Comments

Riceviamo e con piacere pubblichiamo la lettera che ci ha inviato Roberta Mazzotta______
Affermare che la deliberazione n.5 del 10 luglio 2015 contenuta nel verbale n.3 di pari data da parte del Consiglio della Camera di Commercio di Lecce è valida e pienamente efficace, malgrado vi siano state più votazioni non previste, rappresenta un temibile precedente che pone a rischio ogni certezza nelle scelte degli organi collegiali.

Con l’ordinanza il Tar di Lecce, secondo il quale “ nessuna disposizione vieta che nella medesima seduta possano aversi più votazioni” ha stabilito un principio che potrebbe fare giurisprudenza per tutte le amministrazioni ad ogni livello; pertanto sarebbe più che lecito, ad esempio, effettuare tante sedute di Giunta Comunale con altrettante votazioni fino a quando non vi fosse una decisione conforme ai voleri forti, mandando in fumo ogni certezza e ogni trasparenza amministrativa!

Mi fermo qui per evitare che la grave indignazione provata da cittadina, prim’ancora che da interessata, per la trasformazione di un abuso e di una illegalità legittimata da un ordinanza possa farmi trascendere in azioni  che non si addicono alla mia persona.

Detto ciò, procederò a far valere le mie ragioni personali e dell’intera categoria dinanzi al Consiglio di Stato ricorrendo contro questa abnorme ed offensiva decisione. Fossi in coloro i quali hanno avuto apparente soddisfazione da questo parziale provvedimento, mi guarderei bene dal dare esecuzione tanto è palese l’illegalità.

D’altronde mi ero già espressa quando il Tar mi dava ragione concedendo la sospensiva: qualunque vittoria non potrà mai cancellare l’amarezza e l’indignazione per aver visto offesa la democrazia e la dignità soprattutto se questo avviene all’interno di un tavolo di rappresentanza del mondo delle associazioni datoriali che dovrebbe impegnarsi per creare soluzioni concrete alle economia di un territorio.

Proprio per difendere i principi di democrazia, dignità, e trasparenza che faccio appello a tutti i coloro i quali si riconoscono in questa mio atto a sostenermi anche all’interno della Confcommercio di Lecce al fine di ripristinare la partecipazione attiva di tutti gli attori principali che tengono in vita l’associazione, gli imprenditori, e di vedere riconosciuta una dignità che evidentemente non appartiene a tutti.

Grande soddisfazione per la solidarietà manifestata dai colleghi del Consiglio che mi hanno sostenuta e votata e dai rappresentanti di tutte le associazioni non presenti in Camera di Commercio.

Si allega Ordinanza del TAR

 

Roberta Mazzotta

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento