L’ INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAUSATO DALLA CIRCOLAZIONE DEGLI AUTOVEICOLI

| 8 dicembre 2015 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Da Bruxelles l’ europarlamentare del M5S Piernicola Pedicini ci scrive______

Il settore dei trasporti è tra i maggiori produttori di particolato, l’inquinante più pericoloso presente nelle aree urbane che crea i danni peggiori sul piano ambientale e sanitario.

Solo in Europa si stimano circa 400 mila morti all’anno causate dal particolato e lo scandalo dei filtri per i motori delle auto Volkswagen ha contribuito a richiamare l’attenzione su questa drammatica emergenza.

Per chiedere che la Ue si occupi della grave questione, insieme a Daniela Aiuto della Commissione Trasporti e altri quattro portavoce del M5s, ho presentato un’interrogazione prioritaria alla Commissione europea in cui pongo una serie di interrogativi rispetto all’applicazione della Direttiva europea 2008/50 Ce.

In particolare, nell’interrogazione, viene messo in evidenza che le normative europee attuali non prevedono delle misure per affrontare il problema del particolato ultra-fine prodotto dai veicoli a motore. Le particelle di particolato con diametro inferiore ai 2,5 micrometri sono le più pericolose perché riescono a penetrare facilmente nell’organismo attraverso le vie respiratorie superiori, danneggiando gli organi interni e contribuendo alla formazione di placche che ostruiscono le vie vascolari.

L’interrogazione pone infine alla Commissione europea tre specifici quesiti:

1- Ritiene la Commissione di allineare le normative di omologazione dei veicoli a motore con le normative europee previste per tutelare la qualità dell’aria?

2- Può la Commissione confermare che, entro il 2017, definirà delle nuove procedure di prova per verificare le emissioni prodotte dai veicoli a motore in condizioni di guida reale?

3- Sta considerando la Commissione misure alternative per affrontare il problema del particolato ultra-fine inferiore a 2,5 micrometri prodotto nel settore dei trasporti?

 

 

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento