DAI DOMICILIARI AL CARCERE

| 15 dicembre 2015 | 0 Comments

(g.m.)______Coinvolto nella vicenda del furto di due pistole mitragliatrici PM12, trafugate dal  comando del Corpo Forestale dello Stato di San Cataldo di Lecce, la notte tra il 13 e 14 luglio 2014, Antonio Boris Arcati (nella foto), 35 anni, era sottoposto al regime degli arresti domiciliari, nella sua abitazione di Leverano.

Aveva patteggiato da pochi giorni una condanna a quattro anni per furto aggravato, ricettazione e detenzione abusiva di munizioni.

Ma ieri pomeriggio una pattuglia dei carabinieri lo ha sorpreso a spaso per il paese. Il pubblico ministero di turno, Stefania Mininni, ne ha disposto il trasferimento in carcere.

Category: Cronaca

Lascia un commento