IL CASO / LA MORTE MISTERIOSA DEL GIOVANE RICERCATORE ITALIANO A IL CAIRO / CHI HA UCCISO GIULIO REGENI?

| 5 Febbraio 2016 | 0 Comments

di Amani Sadat * (giornalista freelance egiziana, per leccecronaca.it)______

Per l’omicidio di Giulio Regeni l’ unica ipotesi accreditata finora dai media sembra essere quella del delitto politico, poco cautamente realizzato dalla forze dell’ordine, o ancor meglio dai servizi segreti egiziani.

In realtà questa conclusione univoca è piuttosto affrettata, visti i pochi indizi a disposizione, e le poca conoscenza di come siano andati realmente i fatti.

Regeni, al Cairo per un dottorato sull’economia, scriveva articoli per il Manifesto contro il regime egiziano. Ora è del tutto improbabile che servizi segreti di un paese facciano fuori così imprudentemente uno “scomodo” giornalista, mettendo a repentaglio rapporti stabili ed eccellenti con un paese del tutto amico.

Se il delitto fosse stato davvero opera del governo egiziano, del giovane ricercatore o non si sarebbero trovate proprio più tracce, o comunque non sarebbe sicuramente stato ucciso in quel modo tanto evidente e plateale.

Viceversa, sicuramente c’ è un’altra parte a cui giova con ragionevole certezza questo omicidio, e cioè la matrice terroristica.

L’Egitto rappresenta uno degli ultimi freni contro l’ISIS e il governo italiano lo sa benissimo, ma purtroppo con la strumentalizzazione dei fatti e l’aria antiaraba che gira, passa ora il messaggio che l’Egitto sia una dittatura a tutti gli effetti. Insomma così come tutti i paesi arabi o islamici.

Purtroppo di Italiani ne vengono uccisi dappertutto, negli USA sono accaduti tanti casi, ma questa volta sembra speciale. In fin dei conti siamo allievi degli USA e ci crediamo potenti come loro. Come dei cagnolini che abbaiano, vogliamo che le risorse arabe siano gratuite, che siano altri a morire per difendere la nostra opulenta democrazia e che non ci costi nulla essere i ladri che rubano la vita al resto del mondo.

Sapere come è stato ucciso Giulio Regeni non equivale a indovinare chi lo ha ucciso. Meglio aspettare gli sviluppi del caso, prima di trarre affrettate conclusioni.

 

 

Tags:

Category: Cronaca

Lascia un commento