COME APRIRE IL CASSETTO DEI SOGNI E TROVARCI POESIA, PROSA E SCATTI ARTISTICI

| 3 marzo 2016 | 0 Comments

di Annibale Gagliani______

“Uno scrittore dovrebbe sforzarsi di scrivere una cosa in modo tale da farla diventare parte dell’esperienza di coloro che la leggono…”. Diceva bene il grandioso Ernest Hemingway, scrittore è colui che si immedesima nelle emozioni degli altri e fa perdere i lettori nelle sue emozioni. Scrivere costa caro al giorno d’oggi, la pesantezza dell’inchiostro picchia inesorabile sugli editori tanto quanto sulle fulgide penne. E’ questa la motivazione principale che porta un garçon di buone speranze (non necessariamente giovane fuori, l’importante sia giovane dentro) a conservare le proprie sensazioni apposte su cellulosa bianca in un polveroso cassetto.

La chiavi per aprire quel cassetto di faggio ve le possono consegnare gli amigos dell’Associazione Culturale Test&testi, una delle note più liete della Lecce dal volontariato culturale.

L’Acli salentina bandisce la sesta edizione del concorso letterario e fotografico nazionale “Fuori dal Cassetto”, ideato per valorizzare artisti esordienti da ogni parte del globo, capaci di esprimersi con la sciabola e il fioretto.

Tre sono le categorie a cui è possibile partecipare: narrativa, poesia e fotografia. Condizione delle opere è che siano inedite, espresse in lingua italiana e che cantino un tema univoco: il viaggio. Nelle precedenti edizioni svariati sono stati i viaggi degli autori e dei fotografi, capaci di stimolare l’immaginazione degli osservatori: c’è chi ha tracciato il percorso di un feto in gravidanza, chi ha descritto con passione lande affascinanti come l’Africa, il Sud America e la nostra Italia, e chi ancora ha attraversato un sentiero interiore fatto di moti d’animo inafferrabili.

Tutti i colori del mondo sono stati accarezzati analizzando varie epoche storiche. I partecipanti non hanno avuto frontiera, mandando lavori dallo stivale intero o da posti non proprio dietro l’angolo come la magniloquente Dubai. Chissà quali saranno i teatri attraversati nella prossima sfida.

Il termine per inviare le opere è fissato per il 30 aprile 2016, il bando con annesso regolamento è disponibile sul web site “www.testietesti.it”. Ad accogliere le opere in gara vi saranno come ogni anno il vicepresidente di Testi&Testi Enrico Martina e il presidente Angelo Annè. Mentre a valutare i lavori vi sarà una giuria di esperti salentini che hanno portato il loro nome a brillare in campo internazionale come il professore di Linguistica Italiana dell’Università del Salento Marcello Aprile, il fotografo subacqueo Giuseppe Piccioli Resta e un gruppo prestigioso di giornalisti e scrittori di importanti quotidiani nazionali.

I primi tre classificati ricevono un premio speciale, mentre le opere più interessanti delle tre categorie rientrano nella composizione della raccolta che andrà in vendita sui banchi delle migliori librerie e sugli store on line.

Inoltre balza all’occhio un premio speciale, direi “della critica”, per colui che meglio ha saputo esprimere il tema del viaggio come solidarietà verso il prossimo; a consegnarlo è un veterano della manifestazione, ovverosia Gianluca Budano, presidente di Talent Italia Aps. Date uno sguardo sensibile alla foto soprastante, si chiama I colori dell’arcobaleno, e fu la prima classificata nel concorso 2015, nell’obiettivo di Gian Nicola Bisciotti, durante un soggiorno nell’Africa centrale.

Infine, una nuova segnalazione per chi ha ricevuto l’alloro per la sezione poesia, sempre nella passata edizione: una lirica semplice, ermetica e sognante, ecco a voi Ali di Nunzio Industria:

Rivoli

di sogni

m’infrangono altrove,

indosso

due ali

e vado.

 

 

 

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento