DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 3 marzo 2016 | 0 Comments

ITALIA______

Roma – Il nostro amato Paese, da tutti definito “il più bello del mondo”, è sotto l’occhio sanguinario dei jihadisti. Oltre al terrorismo interno, mai estinto negli anni, si profila un’attenzione massimale verso le cellule islamiche presenti su tutto il territorio nazionale. L’Europa intanto trema: è reale il rischio di nuovi attentati in metropoli simboliche dell’Occidente, come accadde a Parigi nel novembre 2015. Il pericolo maggiore paventato dall’Interpol proviene dai Balcani, dove ogni giorno varcano la frontiera profughi di dubbie generalità. Gli 007 italiani sottolineano che i target presenti nel popolo tricolore, racchiudono perfettamente le caratteristiche politico-religiose che l’Isis intende abbattere. Enorme è la preoccupazione per la formazione di nuove generazioni “mujahidin”, giovani combattenti esteri fedeli al Califfato che sognano di morire in guerra nella propria terra, ma per l’impossibilità di raggiungere tale obiettivo si accontentano di adempiere alla jihad in territorio nemico.

Roma – Il Governo delle larghe intese ha chiesto la fiducia al Senato sul decreto di legge che stabilisce l’omicidio stradale. Ad opporsi con durezza al disegno è il senatore “conservatore” Carlo Giovanardi, che è stato redarguito prontamente dalla bella  ministra Maria Elena Boschi, 35 anni, nella foto: “credo che il Governo non si debba vergognare ma debba essere orgoglioso di mettere la prosecuzione della propria attività a tutela delle vittime della strada”.

La seduta dell’aula del Senato è stata sospesa, con lo svolgimento di una riunione tra i capigruppo per discutere la bontà del voto di fiducia da porgere all’Esecutivo. Forse, finalmente, le migliaia di madri private dei propri figli dalle tragedie stradali, avranno una giustizia quantomai doverosa.

Ma, intanto: possibile che su ogni questione, anche quelle dove si registrano “larghe intese”, o ampie convergenze parlamentari, che dir si voglia, l’ esecutivo debba mettere il voto di fiducia? Il sospetto è che lo faccia non contro le minoranze, ma per coprirsi e blindarsi nella propria maggioranza, travagliata e raffazzonata, al di là dei numeri, specie dopo i nuovi arrivi degli ex berlusconiani capitanati da Verdini.

MONDO______

Brasilia –  Nel Brasile che si prepara ad ospitare le Olimpiadi la prossima estate arriva un escalation di casi, più di seicento, di una della malattie più temute nel ventunesimo secolo: la microcefalia. La minaccia di un’epidemia del virus Zika si è avuta già dall’ottobre scorso. Il dato e’ stato fornito dal ministero della Salute carioca e segna un incremento pauroso del 10% rispetto alle statistiche diffuse lo scorso mese. Si temono altri 4.222 casi di persone contagiate. Prima dell’esplosione dell’epidemia(con una proiezione di circa 1,5 milioni di persone ammalate) il Brasile registrava già centocinquanta casi di microcefalia in media ogni anno. Adesso anche i ricercatori del vecchio continente cominciano a riflettere sulla possibilità che il virus attraversi l’oceano e arrivi nel Mediterraneo.

Category: Costume e società

Lascia un commento