PRENDONO TRE GOL DALL’ ANDRIA, E POI BOTTE DAI TIFOSI QUANDO TORNANO IN CITTA’. AGGREDITI I CALCIATORI DEL FOGGIA. REAZIONI IN TUTTA ITALIA

| 6 marzo 2016 | 1 Comment

(g.p.)______Perdono la partita, il derby con l’ Andria, tre a zero e quando tornano a Foggia sono contestati e assaliti dagli ultras inferociti. Brutto sabato sera per i giocatori del Foggia. Cinque feriti, lievi, il bilancio. La squadra viene fatta allontanare dalla città. Dura reazione del sindacato calciatori. Gli altri incontri della lega pro, in segno simbolico di solidarietà con gli aggrediti, inizieranno con cinque minuti di ritardo.

Vediamo in dettaglio cosa è successo.

Il calcio non conosce ragioni, e continua a muovere follie, specie negli ambiti più sentiti della provincia.

Cinque feriti lievi, un calciatore e quattro poliziotti, dopo l’aggressione avvenuta ieri sera sul piazzale dello stadio Zaccheria.

Circa duecento teppisti, alcuni dei quali impugnavano mazze e aste di bandiere, hanno contestato la squadra al rientro in città dopo il derby di Andria, perso per 3-0. Il bus sul quale viaggiavano gli atleti è stato danneggiato anche con calci.

Il calciatore rimasto lievemente ferito, che non ha fatto ricorso alle cure mediche, ha ricevuto un pugno da un uomo del gruppo di violenti che è salito sul bus. La polizia ha in corso indagini per identificare gli autori del raid punitivo. La procura ha aperto un’indagine per rapina, lesioni personali e violenza privata.

Damiano Tommasi dell’associazione italiana calciatori, ha commentato amaramente l’ accaduto: “Si tratta di un evento inqualificabile è inaudito. Bisogna prendere subito provvedimenti. Non si può andare avanti così. Non è questo il modello di calcio che vogliamo affermare in Italia“.

Danilo Coppola, responsabile dell’Associazione Italiana Calciatori per la Lega Pro, questa mattina ha diffuso la seguente dichiarazione: “E’ accaduta una folle aggressione. Quasi un agguato. Dopo la contestazione nello stadio di Andria, i giocatori del Foggia, giunti nel capoluogo sono stati aggrediti e contestati nel piazzale dello Zaccheria. Sul bus sono saliti alcuni violenti con mazze, spranghe e bastoni. C’è stata una baruffa, sono volati schiaffi e un calciatore è stato colpito da un pugno. La squadra alla fine è scappata dalla città, andando a dormire in una località segreta. L’Aic esprime massima solidarietà ai calciatori vittime di questa situazione assurda”.

Pochi minuti fa, il comunicato della federazione: “La Lega Pro e i suoi club condannano ogni episodio di violenza. Manifestando piena solidarietà e vicinanza al Foggia Calcio. Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro, ha disposto che le gare in programma oggi e domani abbiano inizio cinque minuti più tardi”.

Category: Cronaca

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Malagò, Coni - tramite redazione ha detto:

    L’aggressione subita dai calciatori del Foggia discredita il sistema sportivo, e onestamente e’ inaccettabile.
    E’ veramente pazzesco.
    Voglio esprimere piena solidarieta’ alla squadra. Tommasi aveva chiesto il rinvio della partita di Coppa Italia di Lega Pro in programma oggi tra Foggia e Siena? Ha ragione Tommasi, non si puo’ andare avanti cosi’, serve un segnale fortissimo. Sono situazioni, mi spiace dirlo, spesso reiterate in alcune zone del Paese.

Lascia un commento