banner ad

CONCESSI I DOMICILIARI A FABIO RIVA, ACCUSATO DI DISASTRO AMBIENTALE. INVECE GLI ABITANTI DI TARANTO, INNOCENTI, SCONTANO DA DECENNI UNA CONDANNA INFINITA. SPESSO, UNA CONDANNA A MORTE

| 30 marzo 2016 | 0 Comments

(g.p.)______Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari a Fabio Riva, l’ex vicepresidente dell’Ilva, detenuto dal giugno dell’anno scorso, prima a Taranto, poi da gennaio al carcere Opera di Milano, nell’ambito dell’inchiesta ‘Ambiente svenduto’, in cui è accusato di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele suoi luoghi di lavoro, alla corruzione, al falso e all’abuso d’ufficio. Ci sono altri quarantasei imputati a vario titolo, in un processo che è già stato interrotto una volta, e che rischia di non arrivare a conclusione, prima che scattino le prescrizioni.

Così probabilmente andrà a finire, quello che può essere considerato il più grosso scandalo economico-politico-ambientale italiano; mentre il governo in carica, si ostina a salvare a colpi di decreto, anche contro i provvedimenti ella magistratura, un impianto maledetto.

Così probabilmente l’ Ilva sopravvivrà  a sé stessa, continuando ad avvelenare e ad uccidere Taranto e i Tarantini, ma pure i Salentini vicini per decine di chilometri, invece di essere avviata al suo destino, l’ unico possibile: lo smantellamento, e la riconversione economico – finanziaria dell’ intera zona della città.

Intanto, lLa difesa dell’ industriale milanese ha sostenuto che, essendo mutato il quadro di riferimento della gestione Ilva, da tre anni guidata da commissari di governo, non sussistono esigenze di natura cautelare quanto meno rispetto al pericolo di recidiva.

Intanto, nelle ultime ore ci sono stati altri due incidenti sul lavoro all’ interno del ‘mostro’; un  caposquadra dell’Ilva si è ustionato a un piede, e ha avuto una prognosi di venti giorni; e un altro operaio ha riportato la sospetta frattura di una mano.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad