banner ad

MESSINA-LECCE / BRAGLIA LASCIA A CASA CURIALE, RIPOSO PER SURRACO. IL LECCE NON PUÒ PIÙ SBAGLIARE

| 16 aprile 2016 | 0 Comments

di Laura Ricci______

Sono state parole ferme quelle di Braglia che, a poche ore dall’incontro di domani che vedrà il Lecce affrontare il Messina in trasferta allo stadio “San Filippo” alle 15.00, ha voluto chiarire come ci sia bisogno di darsi una mossa e non guardare più le altre squadre concorrenti.

Basta calcoli, complessi, aspirazioni di bel gioco: bisogna tornare a fare quello che si sa fare e pensare partita per partita.

La classifica- Il Benevento conferma il primato a sessanta punti, ma manca la fuga dopo la frenata del Lecce, fermandosi sull’uno a uno contro il Cosenza; secondo posto allora per i salentini a quota cinquantasei, raggiungi dal Foggia che a pari punti insidia le zone più alte.

Seguono al quarto e quinto posto la Casertana a quota cinquantatré e il Cosenza a cinquantadue.

Come arriva il Lecce- Si cambia, dunque, e lo si fa a partire dai convocati: fuori Curiale per scelta tecnica, rimasto a casa insieme a Surraco, ufficialmente vittima di uno stato influenzale, ma probabilmente lasciato a riposo da Braglia per poter rifiatare e riacquistare la forma ideale viste le ultime prestazioni appannate; non ce la fa Freddi, ancora fermo per infortunio.

Rispetto alla scorsa giornata contro l’Akragas, il tecnico del Lecce riavrà a disposizione Perucchini tra i pali e il capitano Papini nel cuore del campo.

In difesa, confermato il trio composto da Abruzzese, Cosenza e Alcibiade; centrocampo a quattro con “i soliti” Legittimo, Papini, Salvi e Lepore, a sostegno di Moscardelli, Doumbia e, probabilmente Cuturano.

L’avversario- Salvezza ampiamente in tasca e campionato positivo per il Messina di mister Di Napoli che ha guadagno fino ad ora quarantuno punti che valgono l’ottavo posto.

Lo stato di tranquillità dettato dalla classifica, però, non equivale al “ritiro delle armi”.

I siciliani, domani, cercheranno di dare continuità al cammino intrapreso, ma dovranno farlo con una rosa decisamente ridotta: pesano le assenze degli squalificati Fusca e Baccolo, così come gli infortuni di Giorgione, Cocuzza,Padularo, Barilaro e del capitano Berardi che non potrà difendere i pali della sua porta.

Condizioni precarie anche per Russo, Barisic, Ionut e De Vito.

Category: Sport

Lascia un commento

banner ad
banner ad