banner ad

TRUFFE SU INTERNET / FRATELLI SERIALI DI PESCARA

| 20 aprile 2016 | 0 Comments

(g.m.)______Gli agenti della Polizia di Stato di Lecce hanno identificato i responsabili di una truffa commessa ad agosto, quando signora leccese aveva pagato la somma pattuita, senza poi ricevere il condizionatore acquistato su internet, attraverso un sito di annunci specializzato.

Insomma, la solita truffa on line.

E’ sempre molto difficile risalire ai responsabili di questo particolare tipo di reato. C’è da aggiungere che le Forza dell’ Orine non si scoraggiano, anzi, fanno sempre di tutto per scoprire i colpevoli, anche se poi, ammesso che ci riescano, non possono andare oltre una denuncia, di solito un’ altra che si aggiunge a una lista ben consistente.

Infatti, sempre secondo a quanto la cronaca ci ha abituati a racontare, si tratta di malviventi abituali, specializzati in questo tipo di reati, che, anche se scoperti e anche se ripetutamente denunciati, non finiscono in carcere, perché così stabiliscono le normative vigenti.

Infine, scarsissime, se non nulle, le possibilità per i truffati di riavere indietro i soldi incautamente versati.

Quest’ ultimo episodio lo dimostra.

I responsabili sono due giovani fratelli di Pescara, di 31 e 23 anni, che hanno oramai un pacco di denunce alto come una spanna in tutta Italia.

Per attuare le loro truffe, si servono di utenze telefoniche di comodo, aperte con identità rubate, e di carte postepay intestate a prestanome.

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad