banner ad

DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 31 maggio 2016 | 0 Comments

ITALIA______
ROMA – Vincenzo Paduano, ex fidanzato di Sara Pietrantonio, fermato stamani con l’accusa di omicidio, ha confessato. Dopo un lungo interrogatorio il giovane è crollato ammettendo il delitto e le sue responsabilità. Ha pianto, ammettendo quel che aveva fatto e cercato di spiegare. Con accanto un difensore, ha spiegato: “Un po’ di tempo fa ci eravamo lasciati, ma io non sopportavo che fosse finita. Lei stava con un altro…”.  L’accusa è gravisima: omicidio volontario premeditato  “In 25 anni di lavoro non avevo mai visto un delitto cosi’ atroce”,  ha detto il capo della Squadra Mobile di Roma Luigi Silipo nel corso di una conferenza stampa. l ragazzo, 27 anni, era stato con Sara per due anni ed il loro rapporto si era interrotto alcuni giorni fa. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, Paduano, una guardia giurata di 27 anni che non era riuscito a superare la rottura con l’ex fidanzata, ha prima atteso la vittima sotto casa di un suo amico e poi l’ha seguita con la sua macchina fino a costringerla ad accostare in una via isolata. Qui dopo essere salito a bordo della Toyota della vittima, dopo una discussione, ha cosparso l’automobile e la ragazza con dell’alcol. Mentre l’uomo appiccava il fuoco alla vettura, la ragazza ha tentato la fuga, purtroppo senza successo. Inseguita e raggiunta a pochi metri dalla macchina, la giovane è stata cosparsa di alcol e data alle fiamme.

ITALIA______
PALERMO – A pochi giorni dall’agguato al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, un’indagine della Dda di Messina dà un duro colpo alla mafia dei Nebrodi e in particolare al clan di Tortorici. Ventitre gli ordini di custodia cautelare che, dalle prime luci del  giorno, stanno eseguendo gli uomini del commissariato di Capo d’Orlando e della squadra mobile  in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip Salvatore Mastroeni su richiesta dei sostituti Vito Di Giorgio, Angelo Cavallo e Fabrizio Monaco.

MONDO______
HOKKAIDO (GIAPPONE) – Avevano denunciato scomparsa del figlio raccontando che il bambino, 7 anni, si era allontanato durante una gita nei boschi di Hokkaido. Solo in un secondo momento i due hanno raccontato la verità: una coppia giapponese ha lasciato volontariamente il figlio su un sentiero di montagna. «Per punirlo dopo che aveva disubbidito» hanno raccontato. Il piccolo risulta disperso da sabato.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad