DIARIO DI EURO 2016/ LES JEUX SONT FAITS: IL QUADRO COMPLETO DELLE ELIMINATORIE. È L’EUROPEO DELLE SORPRESE. CAMMINO DA BRIVIDI PER L’ITALIA

| 24 Giugno 2016 | 0 Comments

di Laura Ricci_____

È l’Europeo delle grandi sorprese e delle strambe combinazioni: con la giornata di mercoledì, tutti i conti nei gironi sono stati definitivamente chiusi, completando così il quadro  delle sedici squadre che hanno l’accesso agli ottavi.

I risultati finali- Il Gruppo F presenta le sorprese dell’Islanda di Lagerbäck e Hallgrímsson, protagonista di una sensazionale vittoria grazie a un goal al 94′ contro l’Austria che termina sul fondo della classifica, e seconda nel girone a pari punti, cinque, con l’altra protagonista di mercoledì, l’Ungheria, che pareggia per tre a tre contro il Portogallo del fenomeno Ronaldo e si prende la vetta della classifica in virtù della differenza reti.

Il Gruppo E, quello dell’Italia, vede affondare definitivamente la Svezia di un deludente Zlatan Ibrahimovic che già prima dell’incontro aveva annunciato che questa sarebbe stata la sua ultima avventura con la maglia della nazionale.

Per una squadra che scende, una ne sale: il Belgio porta a casa la vittoria per uno a zero contro gli svedesi e risale in seconda posizione con sei punti, gli stessi della nazionale di Conte che, però, era già matematicamente prima grazie alla differenza reti.

Sono proprio gli azzurri a concedere un altro storico traguardo a un’altra squadra, l’Irlanda, che continua il sogno personale di un’ascesa calcistica grazie alla vittoria firmata Brady che regala ai suoi il piazzamento come una delle migliori terze classificate.

Gli incroci- Con le migliori terze rappresentate da Slovacchia, Irlanda, Portogallo e Irlanda del Nord, è possibile ora avere un quadro completo dei prossimi scontri che hanno sollevato non poche polemiche in quanto decisamente squilibrati in termini di “peso” delle squadre che, man mano, andranno a incontrarsi fino alla finale.

Ottavi di finale: Se da una parte del tabellone, infatti, si affronteranno Svizzera-Polonia, Croazia-Portogallo, Galles-Irlanda del Nord e Ungheria-Belgio, in quella opposta vi sono tutti i titani della competizioni, ovvero Germania-Slovacchia, Italia-Spagna, Francia-Irlanda e Inghilterra-Islanda. Insomma, incontri che sanno di finale.

Il cammino dell’Italia- Sembra assurdo, ma il primo posto conquistato con un turno di anticipo ha fruttato alla nostra nazionale lo scontro immediato con la Spagna, da sempre bestia nera dell’Italia e rimasta impressa nelle menti azzurre dopo l’umiliazione inflitta durante la finale di Euro 2012 con quel 4-0 così secco da fare ancora male.

L’opportunità per riscattarsi, allora, c’è tutta; Conte ha ben realizzato come la formazione ideale sia quella schierata contro Belgio e Svezia, cosciente di avere nell’arco una freccia importante come quella di Insigne, incisivo sin da subito al suo ingresso contro l’Irlanda.

Se l’Italia dovesse spuntarla contro gli spagnoli, si ritroverebbe a dover affrontare ai quarti una tra Germania e Slovacchia, e in semifinale una tra Francia, Irlanda, Inghilterra e Islanda.

Attenendoci ai pronostici, che sempre tali rimangono, gli azzurri rischiano dunque questa sequenza: Spagna, Germania, Francia/Inghilterra.

La finale, alla luce di questi incroci, sarebbe probabilmente lo scoglio meno duro da superare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Sport

Lascia un commento