IL RESORT FRA GLI ULIVI FA DISCUTERE ANCORA A NARDO’

| 2 Settembre 2016 | 1 Comment

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Da Nardò il consigliere comunale di minoranza  Mirella Bianco ci scrive______

Con grande rammarico ho preso atto, durante il consiglio comunale del 31 agosto, che questa amministrazione è poco incline al dibattito, alla discussione e all’ascolto delle istanze e delle comunicazioni da parte dell’opposizione. Avevo preparato una comunicazione che reputo urgente, poiché sollecitata da tantissimi cittadini che premono per sapere quali sorti attendono l’uliveto monumentale della Sarparea .

Sappiamo che la Regione ha approvato un progetto (nella foto: la titolare, Alison Deighton, n.d.r.) che, sebbene rivisto nella sua proposta iniziale, andrà a modificare per sempre un’area preziosissima ricadente nel territorio neretino, un uliveto monumentale che a differenza di altri monumenti fatti di pietra, è vivente, in quanto le piante non sono beni immobili, stanno lì da secoli e, ci auguriamo, rimarranno lì ancora per molto, espandendo le proprie radici e le proprie chiome.

Oltre ad aver ascoltato la sorpresa di molti neretini nel vedere che la Regione ha approvato il progetto in tempi stranamente coincidenti con il cambio dell’amministrazione, vorrei far presente che la cittadinanza attende in particolare il parere sul progetto da parte dell’assessore Graziano De Tuglie, da sempre impegnato in prima fila nelle lotte per la salvaguardia dell’ambiente e che, da quando è investito del ruolo di amministratore, pare aver improvvisamente modificato la sua strategia di lotta per la tutela del territorio e dell’ambiente.

Lo invito a coinvolgere fattivamente nella discussione di questo progetto non solo l’opposizione, ma anche e soprattutto i cittadini e le associazioni che da sempre si battono per il bene della nostra terra. Tutto questo silenzio non ci rassicura, anzi, alimenta la nostra volontà di difesa del territorio, per il quale siamo pronti a lottare e, se fosse necessario, a raccogliere le firme per far sì che siano i cittadini in un referendum a decidere le sorti della Sarparea______

L’ APPROFONDIMENTO nei nostri articoli del 2 e del 5 agosto

http://www.leccecronaca.it/index.php/2016/08/02/nostra-signora-del-resort-nell-oasi-degli-ulivi/

http://www.leccecronaca.it/index.php/2016/08/05/aggiornamento-gli-sviluppi-del-caso-nostra-signora-del-resort-nell-oasi-degli-ulivi/

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. redazione ha detto:

    DIRITTO DI REPLICA – L’ ASSESSORE RISPONDE
    L’ assessore Graziano De Tuglie, chiamato in causa dal comunicato del consigliere Mirella Bianco, ci ha mandato la seguente dichiarazione______

    Al Comune di Nardò non è stato prodotto, a tutt’oggi, alcun nuovo progetto. Tutto si è svolto in Regione dopo che i proponenti avevano vinto giudizi sia al Tar che al Consiglio di Stato contro le decisioni dell’ex-Assessore Regionale prof.ssa Angela Barbanente che aveva bloccato la costruzione di questo resort in area Sarparea.
    Quando arriverà questo “nuovo” progetto si chiederà il parere alla Consulta comunale dell’Ambiente e dopo si deciderà di conseguenza.
    Fare proclami senza avere contezza dell’oggetto di cui si parla può andare bene a qualche agitapopolo che vuole rifarsi una verginità, mai posseduta, in campo ambientale non ad amministratori che potrebbero essere accusati di opinioni preconcette inficiando qualunque decisione assunta negli inevitabili giudizi in sede amministrativa cui i proponenti sono abituati a ricorrere a spron battuto. Senza dimenticare che gli “avi” politici di chi oggi starnazza senza cognizione di causa, classificarono, nello strumento urbanistico vigente, come edificabile l’area.

Lascia un commento