DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 7 Settembre 2016 | 0 Comments

ITALIA______
TORINO – Operazione “Scripta manent” della Polizia di Stato contro la Fai, la federazione anarchica italiana. La digos di Torino, coordinata dal Servizio centrale antiterrorismo della direzione centrale della polizia prevenzione, su disposizione della Procura della Repubblica di Torino, sta dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare con il contributo operativo delle digos di Pescara, Roma e Viterbo. Sette le persone arrestate.   L’operazione della polizia di stato contesta ai sette arrestati il reato di associazione con finalità di terrorismo e attribuisce agli stessi l’esplosione di tre ordigni. Uno presso il quartiere Crocetta di Torino del 5 marzo 2007 e due ordigni presso la caserma allievi carabinieri di Fossano del 2 giugno 2006. Gli ordigni, in entrambi i casi, erano programmati per esplodere a breve distanza l’uno dall’altro al chiaro scopo di arrecare grave danno all’incolumità delle forze dell’ordine intervenute sul posto.

ITALIA______
ROMA – “Sul gioco d`azzardo stiamo per mettere a punto una misura per togliere le slot dalle tabaccherie ed esercizi commerciali”. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in un’intervista al settimanale Vita Non Profit in uscita il 9 settembre. A confermare la linea di intervento anche il sottosegretario all’Economia con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta:  “Abbiamo avviato a luglio una proposta in Conferenza Unificata che prevede di andare oltre la riduzione di almeno il 30% delle slot machines, già decisa con la legge di Stabilità e di farlo eliminando l’offerta di gioco dagli esercizi generalisti secondari (alberghi, esercizi commerciali, edicole, ristoranti, stabilimenti balneari, rifugi alpini, e altri); riducendola in modo significativo – fino ad azzerarla – nei pubblici esercizi (bar) e nelle rivendite di tabacchi; introducendo una certificazione di doppio livello (classe A e classe B) dei punti gioco e un rigoroso sistema di controlli; considerando valide, in materia di distanze, le decisioni normative adottate finora dagli enti locali, con i quali è in corso un negoziato. Comunque, posso assicurare che la nostra linea è ridurre e razionalizzare”.

MONDO______
KABUL – Non si placa la violenza nella Capitale Afghana, che in queste ore sta vivendo una nuova fiammata di attacchi e sparatorie. Gli attentati di ieri hanno causato almeno 26 vittime nella zona di Shar-e-Naw, nei pressi del ministero degli Interni afghano. Almeno tre esplosioni hanno scosso Kabul in meno di 24 ore: due attentatori suicidi si sono uccisi nei pressi del Ministero della Difesa provocando oltre venti morti, tra cui due generali e diversi alti esponenti delle forze di sicurezza, oltre a novanta feriti.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento