DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 14 Settembre 2016 | 0 Comments

ITALIA______
AMATRICE – “Sono felice e commossa perché ripartiamo dalla scuola. Oggi è l’impegno del governo e di tutti per produrre un mezzo miracolo, ma soprattutto siamo qui perche’ vogliamo ridare delle condizioni di normalita’”. Cosi’ il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ad Amatrice per l’inaugurazione della nuova scuola. “Il nostro impegno parte oggi per fare si’ che questo edificio sia la vostra casa e della comunita’ di Amatrice, il simbolo di una comunita’ che riprende la speranza”, ha aggiunto. “Studiate e fate bene”, ha chiosato il ministro. “E’ un giorno significativo per Amatrice. Inauguriamo questa bellissima scuola che ci ha costruito la Provincia di Trento” ha detto il preside  reggente dell’istituto scolastico di Amatrice, Maria Rita Pitoni, all’inaugurazione della nuova sede modulare di Villa san Cipriano.

ITALIA______
REGGIO CALABRIA – La madre sapeva, anche il padre, i professori, alcune compagne. Ma nessuno ha parlato. Ieri alla fiaccolata organizzata per dare solidarietà alla ragazzina di Melito che a soli 13 anni ha vissuto un incubo senza fine, segregata e violentata da otto ragazzi (uno era il figlio del boss locale)  erano poche le persone che hanno avuto il coraggio di scendere in piazza. La vicenda della giovane 13enne di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) assume contorni sempre più tragici. La famiglia, come racconta il Corriere della sera, sapeva che la bimba era stata stuprata da un branco per tre infiniti anni (sono in manette gli 8 autori).   La madre era venuta a conoscenza del fatto tramite la bozza di un tema scritto dalla giovane lasciata nella sua stanza.  Spiega la ragazzina ai militari: “Fino a che un giorno a scuola la mia professoressa d’italiano ci dà un tema dove dovevamo parlare del ruolo che avevano avuto i nostri genitori nella nostra vita…. Ed io che nonostante non abbia detto niente per proteggere anche loro ero arrabbiata con loro perché comunque loro non se ne sono mai accorti di niente… cercavo di essere mai triste, mai arrabbiata… magari mi rendevo attiva in casa aiutavo molto mia madre…. Di giorno in giorno non se ne sono accorti proprio di niente … quindi ero un po’ arrabbiata con loro di questo perché comunque come fai a non accorgertene che tua figlia sta attraversando un periodo difficile, una difficoltà, niente completamente…” “Io torno a casa mi viene a prendere mia madre e inizia a dirmi che belle cose che hai scritto. Io scoppio in un pianto e le racconto tutto quello che era successo, tutto… non i particolari…” Ma la madre, forse per paura di dover andare “ad abitare in un altro paese” non ha denunciato nulla. Lo sapeva anche il padre, informato dalla moglie. Ma è solo grazie alla scuola che la vicenda è venuta allo scoperto.

MONDO______
LIBIA – L’Italia sempre più in prima linea in Libia. Il Ministo della Difesa Roberta Pinotti ha confermato che il Governo è pronto a dare il via libera alla missione umanitaria che prevede la creazione di un ospedale da Campo protetto dai militari a Misurata,  proprio nella citta’ che fornisce il maggior numero di miliziani che combattono l’Isis a Sirte.   Intanto il paese nordafricano e’ sempre piu’ nel caos con gli scontri nei porti di petrolio. La cosiddetta ‘mezzaluna Petrolifera’ e’ infatti caduta nelle mani del generale Khalifa Haftar, legato al parlamento di Tobruk, la citta’ dell’est che ancora non ha dato la fiducia al governo di Tripoli sostenuto all’onu e dalla comunita’ internazionale. Ma la capitale ha reagito agli attacchi annunciando una controffensiva.    A confermare la decisione del governo italiano – anticipata dal quotidiano ‘La Repubblica’ – di trasferire nell’area dell’aeroporto di misurata un ospedale da campo e’ stato il Ministro della difesa Roberta Pinotti spiegando che finora l’Iitalia ha “curato i feriti libici nei nostri ospedali o inviando medicine”, ma adesso l’intervento “lo faremo li'”.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento