GASDOTTO TAP / TOH, IL ‘CANTIERE’ E’ SPARITO…

| 22 Settembre 2016 | 1 Comment

(g.p.)______La controversa questione della costruzione del gasdotto della Tap, fra il consorzio multinazionale, e i loro oppositori sul territorio, oramai da mesi si è impuntata su un aspetto ben preciso, se cioè i lavori siano iniziati, come sostiene l’ azienda, oppure no, come sostengono comitati e associazioni.

Non è un aspetto di poco conto, anzi, esattamente il contrario: è decisivo, perché su di esso si gioca, per tutta una serie di questioni, di permessi e finanziamenti, la realizzazione stessa dell’ opera.

Se n’ era alla fine, qualche giorno fa, occupata la magistratura, che continuerà ad occuparsene ancora.

http://www.leccecronaca.it/index.php/2016/09/07/se-questo-e-un-cantiere/

Da ieri, c’è una novità, testimoniata dalle foto di leccecronaca.it

Come potete vedere, il ‘cantiere’, quello che tale è stato considerato dall’ azienda, recinsioni e paletti di sostegno, insomma, è sparito, rimosso dagli operai.

Si sono portati via pure le virgolette.

E allora?

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Tap - tramite redazione ha detto:

    COMUNICATO DI LUNEDI’ 26 SETTEMBRE
    A partire da oggi TAP ha avviato nuove attività di monitoraggio ambientale lungo il percorso del gasdotto in agro di Melendugno.
    Le attività consistono nella misurazione della qualità dell’aria, della qualità delle acque superficiali vicine al passaggio della condotta e della qualità del suolo superficiale nelle aree interessate dal progetto.
    Verranno inoltre realizzati monitoraggi della flora e della fauna, con macchine fotografiche e localizzatori GPS
    I monitoraggi non hanno alcun impatto sull’ambiente, sono anzi uno strumento di tutela che permette a TAP di avere regolarmente il polso delle condizioni ambientali del territorio su cui viene realizzato il progetto.
    Tali monitoraggi verranno infatti costantemente realizzati anche in fase di costruzione del gasdotto e a conclusione dei lavori.
    Nell’area interessata dalla realizzazione del micro tunnel, sui terreni acquisiti da TAP, nei prossimi giorni verranno inoltre effettuate “mondature” degli ulivi che sono stati potati lo scorso autunno.
    Le operazioni consistono nel taglio dei nuovi getti che le piante hanno prodotto negli ultimi mesi e rientrano in quelle buone pratiche agricole, che TAP è tenuta a ripetere periodicamente in ottemperanza alla normativa anti Xylellla.
    I lavori di mondatura degli ulivi dureranno alcuni giorni, salvo contrarie condizioni metereologiche e, come già in precedenza, saranno svolti da un’azienda specializzata del territorio, la ditta Mello di Carmiano.

Lascia un commento