CONCORSO LETTERARIO ‘RISVEGLIARE LE PAROLE’: PROCLAMATI I VINCITORI AL CASTELLO CARLO V DI LECCE

| 19 ottobre 2016 | 2 Comments

(Rdl)______

Si è svolta nel Castello di Carlo V di Lecce la serata conclusiva per la proclamazione dei vincitori del Concorso Letterario Nazionale “Risvegliare le parole”, giunto alla sua quarta edizione.

Come da tradizione, la serata è stata introdotta da un momento danzante, affidato quest’anno alla scuola ArteDanza di Annalisa e Sara Caputo, che con le proprie ragazze hanno eseguito una coreografia tratta dal saggio spettacolo “Un mare di emozioni”.

Poi ha avuto inizio la vera serata con l’arpa celtica che viveva al tocco magico di Sabrina Liù Luciani e la voce suggestiva di Agnese Perulli, accompagnata dalla chitarra di Alessandro Dell’ Anna, creando delle vibrazioni dell’ anima che da sole toccavano la profondità e l’immensità dell’ infinito. Il tutto in una sala straripante di ospiti, di curiosi, di autori giovani e non, amanti della poesia e delle prosa, della musica e del canto; Una location diventata ad un certo punto forse troppo piccola per contenere tutti e per apprezzare al meglio la musica ma, di sicuro, un vero salottino culturale, perfetto per degustare la lettura delle opere vincitrici. Un pubblico intervenuto , così numeroso e interessato alla magia dell’arte, da doversi fermare all’ingresso, in punta di piedi fino alla fine.

“Indimenticabile serata”, dunque. “Emozioni allo stato puro.”
Sono alcuni dei commenti che si sentivano ripetere dai partecipanti alla conclusione delle premiazioni.

Qualcun altro ha scritto: “La poesia, la parola espressiva dei racconti che si intrecciavano in un abbraccio magico all’interiorità di chi ascoltava , nell’incanto di un momento che si dilata ancora in un eco sonoro che rimarrà dentro di noi.”

Vari i temi trattati nelle opere, come pure di notevole spessore sociale e di attualità: dal dramma dell’immigrazione, al femminicidio, l’affetto familiare e il legame con la terra. Premiati da una Giuria di rara qualità come:

Carlo Albero Augieri, Docente di Critica letteraria ed Ermeneutica del Testo, Università del Salento,
Emilio Filieri, Docente di Letteratura. italiana presso Università di Bari,
Marcello Buttazzo, poeta,
Alessandra Vannicola, sociologa e poetessa ,
Alessandro Diamante, Insegnante
e Angela Perulli, già Dirigente scolastica e poetessa che, spalleggiata in un originale duetto dal presidente dell’associazione organizzatrice Emanuele Lezzi, ha condotto da sola ed egregiamente l’intera serata, in un debutto che promette veramente bene.
Momenti di ottima musica hanno poi intervallato la consegna delle targhe premio: la dolce arpa celtica, che ha accompagnato tra l’altro la lettura di tutti i brani; il suono della chitarra e la voce meravigliosa della cantante Jazz Agnese Perulli.
Veramente una serata interessante e piacevole, che fa venir voglia di leggere per intero le opere, magari nella eventuale raccolta dedicata ai vincitori di questa rassegna che gli organizzatori stanno valutando di effettuare.
Dalle opere in vernacolo a quelle in lingua italiana, tutti i brani  sono stati nutrimento e momento di riflessione per ognuno dei presenti.                

Per la cronaca, i premiati dalla Giuria sono stati:
Per la Sezione Poesia e Racconto breve Ragazzi:
Primo Premio a l’opera “Il regalo più bello” di Laura Paglialonga, con questa motivazione: “Il racconto esprime con semplicità ed al contempo profondità, L’immenso desiderio della presenza affettivo genitoriale che va al di là di ogni dono natalizio”.

Per la sezione in Poesia e Racconto breve in dialetto Salentino:
Primo Premio a l’opera Crazie Ma’ di Rosanna Gabellone, motivazione giuria:  “Contenuto carico di lirica, opera splendida, commovente.”

Secondo premio all’opera “Nicola Sorge” di Enzo Parisi, Motivazione giuria: Bella, con un fondo di triste saggezza. Quasi un amara presa d’atto.”

Per la sezione Racconto breve in lingua italiana:
Primo premio all’opera Tuca ta Lemma, di Raimondo Orsini; Motivazione giuria: “La narrazione, ben costruita, è intrisa di immagini avvolgenti che coinvolgono il lettore. Spesso l’autore intercala con termini dialettali, ben armonizzati nella trama narrativa. Il registro linguistico colloquiale offre colore e scorrevolezza al racconto”

Secondo premio all’opera ‘Qualcosa era successo’, di Gabriele Andriani; Motivazione della giuria:  “Nonostante la durezza della tematica trattata, il racconto grazie agli accenti delicati e poetici, non turba il lettore, ma lo induce a riflettere su una realtà, come quella del femminicidio, più che mai presente e attuale”.

Terzo premio all’opera Ragazzi del ’68, di Giuseppe Leuzzi; Motivazione della giuria: “Il  vissuto narrativo dell’autore evoca una realtà storico-sociale molto vicina ai giorni nostri. Di grande attualità diventa il ritorno alle radici, anche in questo momento di crisi economica e valoriale. Il racconto segue i canoni classici della narrazione. Il linguaggio è semplice e lineare”.

Premio speciale invece per l’originale opera dell’autore Antonio Benincasa La Liggenda di Piccolo Fiore ni la terra di li Messapi; segnalata per l’originalità della lingua e la simpatica freschezza dell’Opera.

Per la sezione Poesia in lingua italiana:
Primo premio all’opera “Nonno (Primo ritratto – Scavato a mani nude)” dell’autrice Arianna Pisconti; Motivazione della Giuria: “Ritmo incalzante, lirica forte e penetrante, come l’odore sulfureo della terra d’estate, appena bagnata dalle prime piogge”.

Secondo premio all’opera ‘Lucciola’ di Enzo Parisi; Motivazione giuria: “La lirica dona dignità all’amore di passaggio e, con tocco lieve, gli permette finalmente di sognare”.

Terzo premio all’opera Piccolo Aylan di Giovanni Paradiso; Motivazioni della giuria: “Attualissimo il contenuto, interessanti le metafore, incisivi gli zoom sulle immagini che vanno dritte al cuore”.

Category: Cultura, Eventi, Libri, reportage

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. GIOVANNI PARADISO ha detto:

    l’articolo riporta con dovizia di particolari e partecipazione emotiva l’intero svolgimento della manifestazione: luogo, persone ( piccoli, adulti ), addetti ai lavori con la loro professionalità, serietà, impegno, autorevoli membri della giuria, autori delle opere e l’intenso, pregnante clima che questa gioiosa e commossa realtà ha creato in ogni momento. Grazie. P.S. Ho rilevato un errore , alla sezione Poesia in lingua italiana la motivazione della giuria espressa alla prima classificata è la stessa della terza classificata. potete ottemperare con una rettifica?

  2. redazione ha detto:

    Correzione effettuata, grazie per la segnalazione, a presto.

Lascia un commento