LECCE / IL PREPARTITA / AD AGRIGENTO L’ ULTIMA SFIDA DEL 2016, PRIMA DELLA LUNGA SOSTA DI GENNAIO

| 28 dicembre 2016 | 0 Comments

di Antonella Elefante______

Si gioca nel primo pomeriggio di domani, giovedì 29, allo stadio ‘Essento’ di Agrigento (nella foto), alle ore 14.30, la seconda partita della fase di ritorno del campionato di Lega Pro Girone C, che vede l’Akragas ospitare l’U.S. Lecce.

Dopo l’ultima partita la classifica ha riportato notevoli cambiamenti. In vetta, infatti, c’è solo il Matera a 42 punti, seguita da Lecce e Juve Stabia a 40.

Il pareggio del Lecce contro il Monopoli ha fatto perdere alla squadra salentina il posto in vetta alla classifica, subito preso dai lucani che non aspettavano altro che un passo falso.

È stato un incidente di percorso, tutto sommato, e può capitare. È difficile resettare quanto accaduto, perché c’è la classifica a testimoniare, ma ora bisogna andare avanti e fare tesoro degli errori commessi.

Così commenta Lepore la scorsa partita: “Nella gara con il Monopoli sono pesati sia i gol mancati da parte nostra che i gol che abbiamo subito. Quando ci si sofferma e si ripensa ai gol presi non bisogna solo ed esclusivamente soffermarsi su gli attimi in cui la palla finisce in rete, ma bisogna osservare come si arriva quella circostanza. Con questo voglio dire che ci sono errori collettivi. In occasione del terzo gol del Monopoli, ad esempio la palla non doveva partire così facilmente, poi ci sono susseguirsi di cose.”

Questa partita può essere l’occasione per ritornare in testa alla classifica o comunque condividere la prima posizione con un’altra squadra. Il risultato della scorsa partita non era previsto, non era quello a cui i giallorossi miravano, eppure non si può tornare indietro.

Non ho ancora smaltito il risultato della gara di giovedì scorso con il Monopoli. Diventa difficile accettare di subire tre reti, dopo che, comunque, la gara scivolava via senza correre particolari pericoli, tranne qualche partenza. Analizzando la partita, bisogna dire che abbiamo creato, siamo stati propositivi. Il risultato non lo accetto, abbiamo fatto tutto noi, nel bene e nel male. Rivedersi fa sempre bene per un’autoanalisi ed eventualmente per fare autocritica. Bisogna andare avanti, la capacità deve essere quella di sbagliare il meno possibile e nei miei ragazzi c’è grande disponibilità a migliorarsi” dichiara Mister Padalino, amareggiato dal risultato ottenuto.

Una partita che l’Akragas vuole affrontare al meglio, dopo averla preparata al meglio e a lungo, per chiudere in bellezza questo 2016.

Ci teniamo tantissimo a far bene davanti al nostro pubblico. Vogliamo regalare ai nostri tifosi una grande gioia. Siamo carichi e motivi al punto giusto per disputare una grande prestazione, perché per battere il Lecce serve la partita perfetta. Sono contento di aver trovato spazio e spero di contribuire alla salvezza dell’Akragas. Contro i giallorossi saremo in emergenza per l’assenza di parecchi titolari ma sono certo che chi andrà in campo non deluderà le aspettative della vigilia. Il Lecce è un’ottima squadra e quindi ci sarà da soffrire, ma venderemo cara la pelle e daremo il massimo per conquistare un risultato positivo. Cercheremo di non sbagliare nulla”, dichiara Luca Palmiero, difensore biancazzurro.

Anche Padalino e la sua squadra hanno preparato al meglio questo incontro per riprendersi il posto perso. “È una squadra composta da giocatori giovani, di prospettiva e che si stanno facendo valere in questo campionato. Non ci possiamo fidare del nostro prossimo avversario per questo dico che bisognerà avere grande attenzione” afferma l’allenatore dei giallorossi.

Alla squadra giallorossa, dunque, non resta che attaccare e difendere con i denti la propria rete, per poter portare a casa punti preziosi e dimostrare che dopo una caduta ci si può rialzare, e dopo un passo falso si può riprendere il cammino con disinvoltura.

Il traguardo? La promozione diretta, in tarda primavera. Quando si tornerà in campo, con il nuovo anno, dopo tre settimane di sosta, sabato 21 gennaio, comincerà la lunga ed appassionante volata finale.

 

Category: Sport

Lascia un commento