IL LECCE CHIUDE L’ANNO CON LA VITTORIA AD AGRIGENTO: CATURANO ANCORA DECISIVO, I GIALLOROSSI FINISCONO IN DIECI MA CONQUISTANO I TRE PUNTI

| 29 dicembre 2016 | 0 Comments

di Laura Ricci______

Nell’ultimo appuntamento del 2016, il Lecce affronta l’Akragas allo stadio Stadio Esseneto e porta a casa tre punti in questo momento preziosissimi per morale e classifica.

Dopo i due pareggi contro Fidelis Andria e Monopoli che hanno rischiato di destabilizzare l’equilibrio dell’ambiente giallorosso, i salentini tornano a vincere nonostante l’espulsione nel secondo tempo di Cosenza.

Le reti di Caturano e Pacilli (su assist dello stesso Caturano) chiudono nel migliore dei modi il 2016 in attesa dei risultati delle dirette concorrenti per poter tirare e somme della classifica.

Nonostante i tanti mormorii di dissenso per le prestazioni altalenanti di Gomis, Padalino sceglie di riconfermarlo tra i pali dal primo minuto, preferendo Doumbia dal primo minuto al posto di Pacilli; Torromino in panchina per acciacchi fisici.

FORMAZIONI

AKRAGAS: Pane, Thiago, Carillo, Salandria, Russo, Coppola, Sepe, Pezzella, Cocuzza, Palmiero, Cochis. Allenatore Di Napoli.

LECCE: Gomis, Contessa, Mancosu, Cosenza, Lepore, Tsonev, Drudi, Caturano, Fiordilino, Ciancio, Doumbia. Allenatore Padalino.

Arbitro Francesco Fourneau di Roma, accompagnato dagli assistenti di gara Loni e Maiorano.

LA CRONACA

Primo Tempo

Il Lecce detta tempi e gioco, possesso palla quasi a senso unico, ma ritmi poco convulsi visto il buon piazzamento difensivo dell’Akragas che argina i tentativi di incursione da parte dei giallorossi.

Al minuto otto Doumbia mette in mezzo per Lepore che di testa serve a due passi dalla rete il compagno di squadra Caturano; il bomber salentino scivola al momento del tocco decisivo e sfuma l’occasione da goal.

Le azioni da rete sono praticamente assenti, se non fino al 27′, quando i padroni di casa dimostrano di essere comunque vivi e lo fanno con Coppolla che si porta a tu per tu con Gomis e viene fermato proprio al momento del tiro dall’intervento provvidenziale di Cosenza che gli sradica il pallone dai piedi in tackle. A seguito della stessa azione, su calcio d’angolo Palmiero impegna Gomis in una grande parata all’incrocio dei pali che salva i suoi.

Al 32′ Caturano prova a sbloccare il match con un’accelerata nella corsia centrale che però termina con un tiro sul fondo.

A rendersi realmente pericolosa è ancora l’Akragas: Cocis se ne va in volata superando tutti i difensori del Lecce, ma è bravo Gomis nell’intervento da terra a scegliere il tempo giusto per neutralizzare l’avversario.

Secondo Tempo

Si sblocca il match e il merito è del Lecce che spinge al 57′ con il neo entrato Pacilli, visibilmente in ottimo stato di forma e autore di un tiro teso che da il via a una serie di rimpalli nell’area piccola dei padroni di casa, per poi terminare con il tocco decisivo di Caturano che spinge in rete il pallone e porta in avanti i giallorossi.

Trascorrono solo due minuti e le sorti dell’incontro sembrano capovolgere la situazione: Cosenza atterra un giocatore avversario lanciato in rete e viene espulso. Per l’Akragas è calcio di rigore, ma l’occasione per rimettere tutto in gioco in superiorità numerica viene sprecata malamente da Palmiero che spara altissimo sopra la traversa.

Al 67′, nonostante l’uomo in meno, il Lecce mette il lucchetto al risultato grazie a un assist perfetto del solito, decisivo Caturano che serve l’assist del due a zero a Pacilli, bravo a dribblare il portiere Pane e a metterla dentro con semplicità.

IL GIUDIZIO

Una vittoria che fa classifica e morale per il gruppo di Padalino; due a zero contro una squadra che lotta per la salvezza, ma ben posizionata in campo e tutt’altro che facile bersaglio.

Il Lecce ha fatto la partita, pur subendo qualche pericolo ben neutralizzato da Gomis che risponde con la buona prestazione di oggi alle critiche a lui rivolte in questi ultimi tempi.

Da segnalare l’ennesima prestazione decisiva di Caturano, autore del goal e dell’assist per Pacilli e quindi protagonista assoluto dell’incontro.

I salentini si portano momentaneamente al primo posto a quota quarantatré insieme alla Juve Stabia che vince in contemporanea contro il Melfi.

DA RICORDARE

Non è sempre cosa facile riuscire a non farsi schiacciare dai commenti negativi a seguito di un periodo un pò altalenante.

Nonostante non in tutte le partite i giallorossi riescano a essere incisivi e decisi come oggi, il Lecce è riuscito a rialzarsi ancora una volta e a spazzare via quell’alone di negatività che è sempre pronto ad aleggiare nei momenti più difficili.

 

 

Category: Sport

Lascia un commento