banner ad

DI NUOVO MAXI SEQUESTRO DI DROGA ALBANESE

| 30 gennaio 2017 | 0 Comments

(e.l.)______Negli ultimi mesi sono state decine le operazioni del genere, in mare, o a terra, sulle nostre coste, con le stesse caratteristiche, nelle stesse modalità. Evidentemente la produzione è tanta, in Albania, e la domanda del ‘mercato’ salentino, elevata durante tutto l’ anno.

Inoltre, l’ approdo sulle nostre coste è gestito in maniera manageriale dalla Sacra Corona Unita.

Un giorno d’ affari vorticoso, in mano alla mafia, con tanti piccoli intermediari e gregari a scalare. Fino agli ‘utilizzatori finali’, il cui numero aumenta, anzi ché diminuire, e passa disinvoltamente a dosi più frequenti e più pesanti.

La marijuana, a torto considerata droga ‘leggera’, muove interessi stratosferici ed è sempre abbondante e facile da trovare.

Ma i ‘colpi’ inferti dalle forze dell’ ordine negli ultimi mesi, come detto, sono stati pesanti.

Ad appena due giorni di distanza dall’ ultimo, questa mattina è stato reso noto un altro maxi sequestro, operato ieri pomeriggio dagli agenti della Guardia di Finanza di Bari e di Taranto, che hanno bloccato in mare, al largo di San Cataldo, un carico di oltre cinque quintali marijuana proveniente dall’Albania.

Le due persone a bordo del mezzo intercettato, un gommone di sette metri, hanno tentato di disfarsi del carico gettandolo in mare e di sfuggire alla cattura. La droga è stata quasi tutta recuperata, l’ imbarcazione sequestrata. I due, cittadini albanesi, di 48 e 30 anni, di Valona, sono stati arrestati e rinchiusi in carcere.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad