banner ad

ALESSANDRO DI BATTISTA A SAN FOCA DOMENICA 2

| 31 marzo 2017 | 0 Comments

(g.p.)______Nuova manifestazione del M5s contro il gasdotto Tap, questa volta con la partecipazione di Alessandro Di Battista.

E’ il primo esponente nazionale di rilievo fra i politici italiani che arriva nel Salento a sostenere le ragioni della protesta di questi giorni.

Lo aveva preannunciato egli stesso ieri sui social: “Sono stato espulso per 15 giorni dalla Camera dei deputati per aver protestato contro i vitalizi e contro le pensioni d’oro dei parlamentari. Le nostre azioni, forti ma assolutamente nonviolente, ci permettono di far capire al Paese il livello di oscenità che si consuma all’interno del Parlamento. Per me è un onore essere sanzionato dagli stessi che salvano i condannati come Minzolini. Ovviamente sfrutterò la sanzione per girare tutta l’Italia. Lorsignori non hanno ancora capito che provando ad indebolirci in realtà ci rafforzano. A riveder le stelle!

P.S. Domenica sarò in piazza in Puglia. A Melendugno alle 14.00 e a Polignano a Mare alle 17.00. Vi aspetto in tanti, siamo un popolo sovrano, non siamo sudditi”.

Oggi, in una nota ufficiale – “questo corteo sarà per noi l’ennesima occasione per informare ed essere al fianco dei cittadini pugliesi in questa battaglia per la difesa del nostro territorio” – la conferma e i dettagli organizzativi.

Con il noto esponente nazionale, ci saranno  parlamentari, consiglieri regionali e consiglieri comunali, tra i quali Maurizio Buccarella, Lello Ciampolillo, Diego De Lorenzis, Daniela Donno, Barbara Lezzi e i consiglieri regionali Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi.

L’ appuntamento è per domenica prossima, 2 aprile, alle 14, a San Foca: è previsto un corteo sul lungomare, con partenza dall’ ingresso del porto e, a seguire, un’ “agorà“, come i Pentastellati chiamano le assemblee pubbliche, in un incontro con i cittadini.

In un comunicato appena diffuso, il M5S ricorda che “già nel 2013, in Parlamento, i nostri portavoce si opposero fermamente a questo progetto dannoso ed inutile per il territorio, che servirà solo ad arricchire le tasche delle multinazionali senza apportare alcun beneficio per la comunità pugliese”, e poi così prosegue: “È inaccettabile che nel 2017 i vecchi partiti continuino ad investire in una politica energetica basata sullo sfruttamento di fonti fossili anziché sulle energie rinnovabili, peraltro attraverso un progetto che non servirà a rendere il nostro Paese energeticamente indipendente dall’estero ma che, anzi, rischia di danneggiare ulteriormente una delle regioni più belle del mondo.

Oggi la stessa battaglia viene portata avanti anche dai nostri consiglieri regionali che da un anno e mezzo incalzano un governatore pugliese poco attento ai problemi del territorio e più interessato alla sua scalata interna al partito. Renzi ed Emiliano continuano ad utilizzare TAP come argomento di scontro per una battaglia tutta interna al PD giocata sulla pelle dei pugliesi e della Puglia” .

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad