“Ritirate la delibera sul Pug!”, DELLI NOCI, RUBERTI E VALENTE CHIEDONO L’ INTERVENTO DEL PREFETTO

| 6 Aprile 2017 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. L’ ufficio – stampa di Alessandro Delli Noci ci manda il seguente comunicato______

Questa mattina i candidati alla carica di sindaco Alessandro Delli Noci, Luca Ruberti e Fabio Valente hanno inviato una richiesta al Prefetto affinché intervenga con ogni mezzo possibile per sollecitare il ritiro della delibera di Giunta relativa al PUG.

Nella richiesta si precisa che la delibera di adozione del PUG dà per acquisito il parere dell’Autorità di Bacino che, invece, non è stato ancora emanato e potrà esserlo solo qualora il Comune di Lecce ottemperi a precise prescrizioni formulate dalla medesima Autorità.

Secondo il parere di esperti giuristi, si cita ancora nella missiva, la delibera di Giunta comunale di approvazione del PUG potrebbe contenere “un falso in un atto pubblico”.

“La forte azione di sollecito ad una autorità terza – concludono i tre candidati – evidenzia l’inopportunità di procedere con l’adozione, da parte dell’Amministrazione uscente, di un così importante strumento di programmazione cittadina”.

Ed ecco il testo integrale della missiva:

I sottoscritti Alessandro Delli Noci, Luca Ruberti, Fabio Valente, candidati alla carica di Sindaco per il Comune di Lecce nelle elezioni giugno 2017:

preso atto che la delibera di adozione del Piano Urbanistico Generale (PUG) dà per acquisito il parere dell’Autorità di Bacino (AdB) che, invece, non è stato ancora emanato e potrà esserlo solo qualora il Comune di Lecce ottemperi alle prescrizioni formulate dall’AdB stessa;

considerato che l’iter di approvazione del PUG – iniziato da tempo presso le Commissioni competenti e culminato in una delibera di Giunta comunale di adozione nonostante il difetto di parere AdB – conterrebbe, secondo il parere di esperti giuristi, un “falso in un atto pubblico”;

tenuto altresì conto del fatto che, alla richiesta di annullamento in sede di autotutela avanzata dal consigliere Salvemini innanzi al Sindaco, la Giunta comunale – autore consapevole della suddetta adozione del PUG – oppone indifferenza o resistenza e, dunque, appare cruciale rivolgersi ad un’autorità terza;

tutto ciò premesso e considerato,

Chiedono

in nome del ripristino della legalità e trasparenza che S.E. intervenga con ogni mezzo possibile per sollecitare il ritiro di tale deliberazione e la sua ripresentazione in Giunta comunale solo a parere AdB acquisito.

 

Category: Costume e società

Lascia un commento