INCREDIBILE! DETURPATO A COLPI DI PICCONE LO STORICO ‘EDIFICIO SCOLASTICO RURALE’ DI BORGO PIAVE

| 21 Ottobre 2017 | 0 Comments

m.g._______Mentre la consapevolezza dei salentini cresce giorno per giorno, e l’amore per il proprio territorio si trasforma in difesa dello stesso, vedi le battagli contro la Tap,  mentre si comprende che  le bellezze paesaggistiche, insieme a quella dei beni monumentali ed architettonici del territorio, sono risorse per la nostra gente, che ogni pietra, sia essa un dolmen o un menhir, una pagghiara o un ulivo millenario, vanno salvaguardati, perché sono opere d’arte dell’uomo o della natura uniche, nel loro genere, ci sono i barbari che deturpano opere d’arte a colpi di piccone.
E’ il caso dell’edificio della Scuola Rurale di Borgo Piave (nella foto grande, come era prima; nel riquadro in alto a destra, come è adesso), un bene architettonico, che oltre all’importanza che riveste come testimonianza storica, una volta recuperata e riconsegnata ai leccesi potrebbe essere, insieme all’intero borgo, polo di attrazione turistica.
L’antica scuola da anni è occupata da persone, non si sa bene a quale titolo, è stata deturpata nella facciata: qualcuno si è preso la briga di salire su una scala ed eliminare a picconate la scritta in rame “EDIFICIO SCOLASTICO RURALE”,  che permetteva al visitatore di contestualizzare la struttura e di guardarla  con la dovuta attenzione.
Domani, domenica 15 ottobre, è la giornata che il  FAI  ha scelto per invitarci  a visitare chiese, monumenti e quartieri storici. Un autunno da vivere lungo percorsi d’arte, di architettura e di paesaggi.
Ecco ne approfittiamo per dire a chi è preposto alla salvaguardia ed al recupero dei beni storico-architettonici di intervenire immediatamente a Borgo Piave, scoprire i responsabili dell’obbrobrio e costringerli a loro spese a ripristinare la scritta e ha riparare la struttura deturpata.
Se poi oltre alle buone intenzioni dichiarate in passato, anche dalla nuova amministrazione, fatta in occasione della  la seconda edizione della rassegna di cortometraggi con registi e autori pugliesi tenutasi il 7 e l’8 di agosto di quest’anno, si decidesse un piano di recupero dell’intero borgo, forse la politica comincerebbe a guadagnarne in credibilità.______

LA RICERCA nel nostro articolo seguente

http://www.leccecronaca.it/index.php/2017/10/14/non-si-uccidono-cosi-le-memorie-del-passato/

 

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Politica

Lascia un commento