“Pronto? Amici, compagni e camerati, ne ho fatta un’ altra!” / IL ‘RIMPASTO’ IN GIUNTA REGIONALE / EMILIANO FA IL TRIS, OLTRE CHE PRESIDENTE, E ASSESSORE ALLA SANITA’, ORA E’ ANCHE ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI

| 30 dicembre 2017 | 1 Comment

(g.p.)______Un comunicato della regione Puglia ha informato ieri del fatto che “Il presidente Michele Emiliano, ha nominato oggi con proprio decreto Salvatore Ruggeri, già parlamentare della Repubblica ( Salvatore Ruggeri, 67 anni, di Muro Leccese, fu eletto senatore nel 2006 e deputato nel 2008, fino al 2013, nelle file dell’ Unione di Centro. E’ cognato di Salvatore Negro, ndr) assessore al Welfare (deleghe a Politiche di Benessere sociale e Pari Opportunità, Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria).

La delega al Welfare era stata assunta dal presidente Emiliano all’indomani della scomparsa dell’assessore Salvatore Negro.

Le deleghe ai Lavori Pubblici e alla Tutela delle Acque sono state invece assunte oggi dallo stesso presidente“.

Viene inoltre specificato che “Anna Maria Curcuruto, titolare fino a oggi dell’assessorato ai Lavori Pubblici e alla Tutela delle Acque è stata nominata con separato atto consigliera del Presidente – a titolo gratuito – per le materie dei Lavori Pubblici e della Tutela delle Acque (per l’attuazione dei programmi in materia di sistemi idrici, risorse naturali ed opere pubbliche)”.______

Incredibile, più Emiliano è impegnato in campagna elettorale perenne, quale aspirante leader nazionale del Pd, e quale campione del trasformismo, più accentra poteri, e si adopera per assemblare al solito sotto la sua egida personalità di ogni estrazione; più la sua maggioranza traballa, più assesta calci a destra e a manca.

Per ora si registrano solo due reazioni, alle stupefacenti novità, di cui diamo conto qui di seguito.

Il segretario regionale Fratelli d’Italia Puglia, Marcello Gemmato, ha così commentato:“Michele Emiliano allarga le sue mire espansionistiche e nomina in giunta un uomo di destra, destinato a giocare sul tavolo degli avversari per intascare l’elezione alle imminenti Politiche. Una scelta che non può passare inosservata e non avere un peso nel quadro generale delle valutazioni da parte dei cittadini pugliesi chiamati al voto”.

Ancora più duro il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Cristian Casili: “Emiliano oltre a far arrabbiare i pugliesi per l’incapacità del suo governo di dare risposte ai problemi della gente, ha deciso, per la verità già da tempo, di far traballare ancora di più la sua maggioranza. 
Lo abbiamo visto con la bocciatura in aula di una legge voluta fortemente dal Governatore che è stato prontamente silurato dai suoi franchi tiratori. 
Il presidente è uomo solo al comando, a pagarne le conseguenze è una Regione grande come la Puglia che è in stallo dall’inizio della legislatura con la sanità al collasso, la povertà delle famiglie in aumento, politiche agricole assenti e nessuna azione a salvaguardia dei nostri territori e del nostro ambiente.
Un ultima cosa, vi ricordate in campagna elettorale disse di dare priorità alle donne nelle sue liste, bene con l’uscita del’Assessore Curcuruto è rimasto con la sola Capone, tra l’altro mai eletta. Questo è Emiliano: un racconta balle”.

Category: Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bruno salento ha detto:

    Emiliano dichiarò che non si sarebbe mai candidato a Sindaco di Bari…
    Emiliano dichiarò che non si sarebbe mai candidato a Presidente della regione Puglia….
    Emiliano dichiaró che non si sarebbe mai candidato a segretario regionale del PD….
    Chi oggi con i voti in consiglio regionale lo sostiene e mantiene in piedi questa giunta condivide di fatto ogni sua politica e decisione.
    I cittadini vogliono i fatti e non le parole di solo dissenso (sol perché si avvicina la tornata elettorale).
    La sinistra pugliese che racconta di dissociarsi dal suo operato, se vuole il consenso dei cittadino,ha il dovere morale di mandarlo a casa. Se così non sarà non sarete mai credibili. Il popolo emetterà con il voto vi manderà a casa.

Lascia un commento