IL MOVIMENTO 5 STELLE HA PRESENTATO ALLA STAMPA I SUOI ‘VECCHI’ E NUOVI CANDIDATI SALENTINI ALLE POLITICHE, E INVITA I CITTADINI A PRENDERE IL 4 MARZO ‘l’ ultimo treno’, CON DESTINAZIONE ‘liberazione degli Italiani”

| 3 Febbraio 2018 | 1 Comment

(g.p.)______

Conferenza stampa questa mattina a Lecce dei candidati pentastellati alle prossime elezioni politiche del 4 marzo (nella foto).

Il Movimento 5 Stelle ha ufficializzato i candidati salentini per le prossime elezioni politiche. Eccoli, come già annunciato il 29 gennaio:

 

 

 

Camera listino plurinominale

Diego De Lorenzis
Veronica Giannone
Leonardo Donno
Annalisa Urso

Camera uninominale

Michele Nitti  ( collegio Lecce )
Soave Alemanno  ( collegio Nardò )
Nadia Aprile  ( collegio Casarano )

Senato uninominale

Iunio Valerio Romano ( collegio Lecce – Francavilla )
Barbara Lezzi (collegio Nardò – Casarano )

Senato listino plurinominale – Puglia 02

Barbara Lezzi
Maurizio Buccarella
Daniela Donno
Cataldo Mininno.

 

C’ erano, tutti, o quasi, questa mattina, al Conservatorio Sant’ Anna, per la presentazione alla stampa. Mancavano solamente Annalisa Urso; la senatrice uscente Daniela Donno, perché influenzata; e il deputato uscente Diego De Lorenzis, impegnato fuori sede in una manifestazione.

Servizi tv, telecamerine, flash dei fotografi, foto di gruppo, e poi si comincia

Fa gli onori di casa il consigliere comunale Fabio Valente, che dà la parola a uno a uno ai candidati.

Cominciano i due che sono usciti fuori dalle parlamentarie, nel listino alla Camera, dietro il confermato Diego De Lorenzis: Veronica Giannone e Leonardo Donno.

La prima, 36 anni, di Lecce, “madre, moglie e impiegata” che “vive la condizione professionale del precariato“, “attivista nel Movimento 5 Stelle da circa un anno, ma iscritta da oltre quattro anni“, pone l’ accento sulle tematiche ambientali su cui intende concentrarsi; il secondo,  32 anni, di Galatina, su quelle, dalla tassazione alla burocrazia, che deve quotidianamente affrontare un giovane  imprenditore come lui.

Tocca poi a Soave Alemanno, assicuratrice di Nardò, che parla di onestà e coerenza, per i cittadini impegnati a cambiare in meglio con il Movimento 5 Stelle; a  Nadia Aprile, commercialista di Taviano, che accenna alle necessità dei lavoratori autonomi; e al capitano dell’ aeronautica militare, di stanza a Galatina, Cataldo Mininno, che sottolinea la priorità della lotta agli sprechi e alla corruzione.

“Un peccato che grida vendetta davanti a Dio”, la definisce, la corruzione, Junio Valerio Romano, 47 anni, funzionario dell’ Ispettorato del Lavoro, ed esperto della materia, volto e voce della così detta “società civile” che, “senza trascorsi politici“, ha deciso adesso di impegnarsi da cittadino nel Movimento. Come il direttore d’ orchestra e docente del conservatorio’Tito Schipa’ Michele Nitti, che annuncia di voler lottare contro “la povertà culturale“.

Ovvio che gli interventi propriamente politici siano stati quelli dei due parlamentari uscenti, che non avevano bisogno di presentazioni.

Barbara Lezzi ha attaccato la coalizione di centro – destra, sia per il passato, imputando a Forza Italia, con un accordo prima palese, poi occulto, con il Pd, la responsabilità di aver tenuto in piedi una legislatura fallimentare; sia per il presente, scagliandosi contro la attuale proposta della così detta flat tax, accusata di favorire ed accentuare le diseguaglianze sociali.

Maurizio Buccarella ha evidenziato la gravità dello scandalo delle Ferrovie del Sud Est appena emerso, prefigurando più avanti anche responsabilità e complicità propriamente dei partiti, e ha concluso auspicando per le prossime elezioni politiche la volontà di cambiamento degli elettori, il 4 marzo un po’, giacché c’ era, come l’ultimo treno, così l’ ha definito, che passa,  per la “Liberazione degli Italiani”.

 

 

 

 

 

 

 

Dopo tanti video, tante foto e tanti interventi, di domande alla fine ce n’è stata solamente una, quella, anzi, due, di  leccecronaca.it, curiosa di sapere come si ponessero i due candidati nei collegi uninominali espressione della ‘società civile’ di fronte alle due questioni che più interessano i nostri lettori: gasdotto Tap e questione Xylella.

Ecco, in sintesi, le loro risposte.

Junio Valerio Romano: “Netta contrarietà a Tap. Un’ opera del tutto inutile, che non serve a nulla, e che fra pochi anni sarà già superata”.

Michele Nitti: “Colpevoli i ritardi dei politici degli anni scorsi, anzi catastrofici. Adesso occorrono certezze scientifiche, che mancano ancora, e occorre investire nella ricerca”.______

LA RICERCA nel nostro articolo del 29 gennaio

TOTO CANDIDATI / LE SCELTE DI LUIGI DI MAIO. MA CHE MU, MA CHE MU, MA CHE MUSICA MAESTRO

 

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. redazione ha detto:

    Venerdì 9 febbraio IL “RALLY” elettorale del candidato premier Luigi Di Maio arriverà in Salento.
    Nel primo pomeriggio a Brindisi, alle ore 14.00 presso l’Andromeda Maxi Cinema in viale Bozzano, 1, Di Maio incontrerà cittadini, associazioni studentesche, insegnanti, professori e ricercatori in un incontro con un focus su Cultura, scuola e università.

    Alle 16.30 a Lecce presso le “Officine Cantelmo” in viale De Pietro, si terrà un evento aperto a tutti i cittadini ed in particolare alle PMI e dunque ad artigiani e piccoli imprenditori locali.

    La sera del 9, alle 19:30, il tour pugliese di Luigi Di Maio si chiuderà con un evento a Taranto presso il cinema Teatro Orfeo in via Pitagora, n.80, tematica di quest’ultimo appuntamento aperto a tutta la cittadinanza saranno l’ambiente e la tutela del nostro territorio.

Lascia un commento