IL DRAMMA DELLA FOLLIA DI LATINA IN DIRETTA. UNA FAMIGLIA TOTALMENTE DISTRUTTA, MARITO SPARA ALLA MOGLIE, POI UCCIDE LE DUE FIGLIE, E SI SUICIDA

| 28 Febbraio 2018 | 0 Comments

di Vincenzo Corrado______

Cisterna di Latina. Dopo circa nove ore di trattative ha avuto un triste epilogo la vicenda che ha visto coinvolto, stamane, il 44 enne Luigi Capasso e la sua famiglia.

L’ Italia con il fiato sospeso, a trepidare sulle tv e sui social, con la morte in diretta, per la sorte delle due bambine.

Luigi Capasso, era un appuntato dei Carabinieri in servizio a Velletri ma originario di Napoli e residente a Cisterna di Latina, ed era in via di separazione dalla moglie Antonietta Gargiulo, di 39 anni.

 

Questa mattina, intorno all’alba, durante una lunga discussione coniugale nel loro garage, Luigi le ha brutalmente sparato più colpi di pistola, ferendola gravemente e la donna – soccorsa dai vicini – è stata trasportata d’urgenza con l’eliambulanza all’ospedale San Camillo di Roma, colpita alla mandibola, alla scapola e all’addome.

 

Subito dopo il carabiniere si è barricato in casa con le proprie figlie di 8 e 14 anni.

 

 

 

 

 

 

 

Per ore i suoi colleghi hanno provato a far ragionare l’appuntato prima che fosse troppo tardi.“L’uomo sta parlando con dei nostri negoziatore professionisti. È in stato di forte agitazione e non ragiona in modo limpido, lui è solo con le bambine” dichiarava il colonnello Gabriele Vitagliano, comandante dei carabinieri di Latina. Ma così non è stato. “Temiamo il peggio” chiosava il colonnello dopo svariato tempo.

Dopo aver fatto irruzione nell’abitazione i carabinieri hanno scoperto ciò che si temeva: Luigi Capasso aveva sparato alle sue due figlie e poi si era tolto la vita.

Difficile capire quale sia stata la molla che abbia fatto scattare questo raptus di follia ad un appuntato dei carabinieri. Facile immaginare che le carte del divorzio abbiano giocato un ruolo chiave, perché spesso queste vicende agiscono malamente nella psiche maschile.  Ma una tragedia familiare di queste dimensioni è impossibile da concepire.

 

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento