banner ad

‘NO ALLA STERILIZZAZIONE DEI GATTI’

| 9 marzo 2018 | 18 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. L’ associazione ‘Per la natura d’ Italia’ ci manda il seguente comunicato______

Il Gruppo Facebook “Animalisti contro la sterilizzazione” allertato da articoli di stampa locale, interviene con urgenza nella questione gatti a Lecce dopo aver letto di proposte, da stigmatizzare invece subito, ora pro gattili (carceri ergo per gatti, aberrazione delle aberrazioni, inoltre speculativa), ora pro sterilizzazioni dei gatti (un esecrabile olocausto felino de facto da impedire senza se e senza ma) per i gatti che sia aggirano liberi sul territorio.

Chiediamo pertanto a tutti i cittadini e quindi alle amministrazioni il massimo impegno per una affermazione di vera forte civiltà di saggezza naturalistica che passa dall’ imporre “zero sterilizzazioni”, nessuna sterilizzazione dei gatti, e divieto dei gattili che son speculativi lager a fondi pubblici o privati che siano, carceri fine pena mai, gulag per gatti che scimmiottano i canili, sebbene non esista un pericolo del “gatto mordace” che aggredisce le persone, se non magari iperprovocato per sua legittima autodifesa! Invitiamo ad un approccio coscienzioso volto semmai a diminuire il cibo gradualmente fino a portarlo a zero, o quasi, laddove sono state create nei mesi da volontari delle colonie feline, permettendo così alle colonie di spandersi nel territorio, disperdersi in tal modo per una più omogenea e naturale presenza dei gatti ovunque, e non addensata quindi in pochi luoghi!

Le colonie feline son create dal cibo portato da volontari con costanza in luoghi precisi, ciò crea alte densità di gatti in un luogo con conseguenti problemi locali, e problemi generali da diminuzione altrove dei gatti, nonché problemi da loro impigrimento in presenza di cibo facile che fa sì che non caccino più ratti e topi come secondo loro natura, una loro attività di predazione che è utile oggi anche contro l’ uso dei nocivi veleni rodenticidi che poi uccidono anche gatti stessi e cani che ne mangiano bocconi avvelenati, con il circolo vizioso assurdo che poi vede associazioni ahinoi ancora troppo avvezze alla vivisezione gonadica, la sterilizzazione chirurgica, strumentalizzare quelle morti per chiedere altre sterilizzazioni di cani e gatti con ogni mezzo, de facto presentando la loro estinzione come soluzione a “vantaggio”(?) degli animali contro i rischi di avvelenamento e rischi di altro tipo, tutto ciò è pazzesco, “la soluzione finale”, ma sta avvenendo proprio così!

Riteniamo che le campagne di sterilizzazione seriale, come quelle per ogni pesticidio, che sono biocidio contro esseri viventi, vadano vietate, tanto più poi quando parliamo di animali come i Gatti presenti in Salento già nel Pleistocene prima addirittura della loro domesticazione nel Vecchio Mondo! Gatti da tutelare nella loro fertilità che è tutto, per i massimi equilibri ecologici nel rapporto preda-predatori tra topi e ratti da un lato e gatti dall’ altro, tutti esseri viventi importanti e tanto più se in naturale equilibrio tra loro. Un equilibrio che viene minato dalla sterilizzazione seriale, moda crudele della più pericolosa falsa-ecologia del nostro tempo, che oltre a far degli animali vittime degli handicappati a vita porta matematicamente e biologicamente le preziose specie all’ estinzione! Un discorso è prendersi cura di gatti davvero in difficoltà, dar del cibo a dei gattini, ben altra farne dei malati da sanissimi ed integri che erano con la loro sterilizzazione, ora con potenti farmaci anticoncezionali, ora con la vivisezione chirurgica delle loro gonadi!

Biodiversità e conservazione della sua fertilità son sinonimi di ricchezza territoriale, da apprezzare in toto senza gravi “razzismi verdi”; biodiversità che comprende e deve comprendere, nella conservazione ed ecosostenibile convivenza con l’uomo e la sua economia, l’esistente fatto di specie autoctone ed esotiche naturalizzate, di specie selvatiche e domestiche, patrimonio di storia e natura da preservare oggi e conservare per le future generazione conservandone pertanto la fertilità!

Pensiamo che nei gatti di Lecce e di tutto il Salento si ritrova il sangue dei gatti ancestrali pleistocenici e ancor oggiselvatici nel meridione d’ Italia, quello dei gatti domestici dei Messapi, ci piace pensare ai gatti che accarezzava il mitico Re Malennio fondatore di Lecce, quindi dei romani, poi della Regina Maria d’Enghien, e di quelli che accarezzavano Tito Schipa e i nostri nonni nei decenni passati, (è il nostro prezioso vivo “mondo antico”), una storia ininterrotta che rivive, si rigenera in ogni cucciolata, e che la follia della sacrilega sterilizzazione seriale falso-animalista distrugge, interrompe nella massima insensatezza intollerabile e da condannare senza se e senza ma!

“Per ogni essere vivente la fertilità è tutto!”

 

NON PUÒ PARLARE DI DIRITTI O MALTRATTAMENTO DEGLI ANIMALI COLUI O COLEI CHE LI PRIVA DEL DIRITTO CHE PIÙ PRETENDEREBBERO POTENDO CHIEDERE:
QUELLO ALLA RIPRODUZIONE
E ALLA LORO INTEGRITÀ CORPORALE!
A seguire gli altri diritti, tra cui ovviamente una certa libertà!

STOP STERILIZZAZIONE SERIALE DI CANI, GATTI E NON SOLO!

 

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comments (18)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Chiara ha detto:

    Voglio fare i miei più vivi complimenti per l’articolo. Raramente mi è capitato di leggere una così grande quantità di stupidaggini, informazioni non veritiere e faziose in un solo testo. Cambiate lavoro!

  2. lucia Campanale ha detto:

    Quale droga ha assunto chi ha scritto questo felirante articolo????
    Evidentemente, troppo occupato/a a farsi, non si è MAI occupsto di gatti DAVVERO!!!

  3. lucia Campanale ha detto:

    Quale droga ha assunto chi ha scritto questo delirante articolo????
    Evidentemente, troppo occupato/a a farsi, non si è MAI occupsto di gatti DAVVERO!!!

  4. Elisa ha detto:

    I gatti pleistocenici e messapi… Voi non state bene! queste farneticazioni non possono essere altro che l’effetto di roba tagliata molto molto male!
    Al giornale: vergognatevi anche solo di pubblicare questa spazzatura!

  5. maira ha detto:

    Vergognatevi! E tutti i randagi che muoiono di fame, di maltrattamenti, per incidenti, avvelenati perché non hanno una casa? Lo sapete che è a causa della mancata sterilizzazione che esiste il randagismo? Lo sapete? Ignoranza pura, Vergognatevi!

  6. Patrizia ha detto:

    Lecce Cronaca ma cosa pubblicate volentieri? Oltre ad una marea di fesserie questa associazione e questo comunicato invitano apertamente ad andare contro la legge quadro sul randagismo. Siete da denuncia anche voi!

  7. Michele ha detto:

    Uno dei peggiori articoli mai scritti, manca totalmente la conoscenza di cosa sia un gatto domestico e delle dinamiche ecologiche che può muovere, si fa appello al solo sentimento di amore cieco, ignorante, dannoso, egoistico senza nessun fondamento di conoscenza, di ragionamento. Il diffondere notizie e mentalità di questo tipo è una cosa abominevole, spero non sia stato un giornalista a scrivere queste schifezza.

  8. Laura ha detto:

    È vergognoso che una testata giornalistica, di una delle regioni con il più alto tasso di randagismo, pubblichi un articolo così aberrante e farneticante. Siete la vergogna del giornalismo italiano

  9. Piervittorio ha detto:

    Chi ama la natura, ovvero la biodiversità e la salvaguardia dell’ambiente, sa perfettamente che il gatto è una delle peggiori specie infestanti (ai vertici di tutte le classifiche di rischio), e non andrebbe semplicemente sterilizzato, ma sterminato, come stanno facendo in Australia dove ne stanno sopprimendo due milioni (e come si sta pensando di fare un po’ ovunque si abbiano competenza e buonsenso).

  10. Comitato Nazionale UGDA ha detto:

    A nostro avviso tutto ciò configura istigazione alla violazione di quanto previsto dalla legge nazionale e dalla legge della Regione Puglia al fine del contenimento e della tutela del randagismo con anche conseguente danno erariale causato dal proliferare incontrollato degli animali a vita libera.
    Ci auguriamo che gli organi preposti intervengano.
    Comitato Nazionale Ufficio Garante Diritti Animali Onlus – volontariato legale.

  11. Federica ha detto:

    Ignoranti tutti, autori e direttore del giornale. Siete solo spazzatura. Ha ragione il Comitato UGDA. State attenti a non prestarvi ad atti illegali dando enfasi e diffusione a comunicati che contravvengono la legge. ‘Gnurant!

  12. Francesca ha detto:

    Scusate, che roba vi siete fumata prima di scrivere questi commenti? Secondo voi una testata giornalistica e da criticare come fate voi, perché da spazio a tutti?
    Secondo il vostro cervello innacquato da da vino di pessima qualità, un giornale non dovrebbe pubblicare i comunicati stampa che riceve?
    Ma l’ABC della democrazia, della libertà d’opinione la coscete? e Grazie a personaggi come voi, che critica e minaccia, che questo paese si attarda a maturare.
    Al Direttore e alla redazione di Leccecronaca, dico solo una cosa, andare avanti senza curarvi, di chi o di coloro, resta da capire, che incapaci di scrivere un comunicato stampa per replicare, si limitano ascrivere degli insulti, e delle minacce.

  13. Francesca ha detto:

    Una manica, di idioti, anche se tutto fa presupporre che si tratta di una sola persona, che non riesce neppure a capire la differenza tra un articolo del giornale, e la pubblicazione di un comunicato stampa scritto da persone esterne al giornale.

  14. Nicola Rizzo - Taranto ha detto:

    Io non sono d’accordo con quanto riportato nel comunicato stampa, né mi pare che la linea della Redazione sposi quelle tes.
    Anzi sono convinto che all’interno di Leccecronaca.it, che da quando stavo a Lecce seguo, ci siano diverse sensibilità, che convivono tranquillamente che hanno lo spazio che vogliono per esprimersi senza che nessuno li censuri. Mi è capitato di leggere lo stesso giorno, due articoli che sostenevano tesi opposte, entrambi pubblicati e in bella mostra, all’inizio mi era sembrata una cosa strana, poi invece ho capito che ciò arricchiva il giornale, e noi che lo leggevamo e potevamo farci una nostra opinione.
    Detto ciò.
    Coloro che minacciano denunce ad una testata che da spazio tutti senza censurare alcuno, sono un pericolo per la Democrazia.

  15. Nicola Rizzo - Taranto ha detto:

    E ho qualche perplessità sul fatto l’UGDA, almeno nelle persone che ho avuto modo di apprezzare in qualche occasione, scendano così in basso da minacciare querele, e offendere l’interlocutore.

  16. Laura ha detto:

    I gatti vanno sterilizzati.
    Riguardo quello che ho appena letto,prima che un delirio di ignoranza,lo considero uno sgrammaticato flusso di coscienza ,scritto dopo una pesante assunzione di psicofarmaci.Solo così,si spiega.
    E,per la cronaca,il mio gattone nero,ben nutrito e lustro,adora osservare golosamente i colombi che vede posarsi sul davanzale della finestra della mia stanza,o sulla ringhiera del balcone.
    E non certo perchè pratica il birdwatching.
    Questo predatore al 100%,era un cucciolo moribondo di un mese e quindici giorni,non si sa perchè abbandonato dalla madre e nutrito malvolentieri da un’ altra,con prole.
    Il piccolo ha rischiato di morire per denutrizione.
    Seguendo la sorte di tre altri gattini.
    La selezione naturale é questa: solo sofferenza.

  17. Maria ha detto:

    Leggendo i commenti all’articolo si comprende perfettamente come il rispetto degli animali sia un optional al giorno d’oggi. Tutto ruota intorno alla comodita` dell’uomo. Addirittura, i gatti definiti “specie infestanti” quando sono animali che vivono da sempre liberi, senza creare problema alcuno e solo in questi anni, improvvisamente, sono diventati un fastidio. In realta`, chi e` informato, sa benissimo che questa moda delle sterilizzazioni ha soltanto finalita` di guadagno, ben pilotate. Dispiace vedere il disprezzo degli animali e dei loro diritti, primo tra tutti quello di essere integri come natura li ha fatti. Del resto, non e` una novita` che la presunzione e l’egoismo umano portino a considerare anche le creature viventi come oggetti di uso e consumo. Complimenti per l’articolo, per tutto il seguito sono inorridita.

  18. Maria ha detto:

    Bravissimo! Complimenti. Finalmente una persona giusta e intelligente contro il falso animalismo. Peccato che siano in pochi e che la gente non capisca e venga condizionata da messaggi devianti. Per gli animali e per i loro diritti e che “non si faccia a loro ciò che mai faremmo a noi”.

Lascia un commento

banner ad
banner ad