RISOLTO SUBITO IL DELITTO DI UN ANZIANO DI TARANTO. L’ OMICIDA HA CONFESSATO, LA CAUSA UN DEBITO DI 50 EURO

| 12 Marzo 2018 | 0 Comments

di Vincenzo Corrado______

Taranto. Una lite sfociata in tragedia. Questo è quanto successo a Taranto la sera di sabato in un piccolo appartamento in via Diego Peluso, dove un anziano idraulico in pensione di 83 anni è morto soffocato per strangolamento, a opera di un 27enne muratore reo confesso.

Cosimo Casone è il giovane che il giorno dopo la tragedia si è presentato spontaneamente in caserma dove ha confessato nero su bianco di aver ucciso l’83 enne Mario D’Amato.

I carabinieri di Taranto insieme al sostituto procuratore Giovanna Cannalire, il medico legale e la sezione della scientifica, sono quindi intervenuti presso l’abitazione dell’anziano, trovando il corpo senza vita riversato sul pavimento con evidenti segni di strangolamento.

 

Dalla lunga confessione di Casone, è stato possibile ricostruire minuziosamente la vicenda. Mario D’Amato viveva da solo ed era ben voluto da tutti i suoi vicini in via Peluso, adiacente all’incrocio con via Dante. Vicini che non mancavano mai di aiutarlo in caso di qualsiasi necessità e con i quali aveva stretto un ottimo rapporto; e fra questi c’era anche Cosimo Casone.

Purtroppo sabato scorso qualcosa si è rotto e per di più per la modesta cifra di 50 euro. Questa esigua somma di denaro è stata, secondo le dichiarazioni, la causa scatenante della lite: Casone è andato a casa dell’anziano, quella sera, per riscuotere il mancato versamento della somma e gli animi si sono surriscaldati. D’ Amato ha colpito il giovane con il bastone – secondo Casone – e questi ha reagito mettendogli le mani al collo, fino al soffocamento. Fino alla morte. Il giovane, nel panico, ha lasciato il corpo sul pavimento, fuggendo verso casa, poi la decisione di rivolgersi ai carabinieri.

Dopo l’interrogatorio protrattosi fino a sera inoltrata, Casone è stato arrestato per il reato di omicidio e trasferito presso la Casa Circondariale di Taranto, in attesa dell’udienza di convalida.

Un’assurda vicenda diventata inaspettatamente tragedia per colpa di un po’ di denaro.______

LA RICERCA negli altri nostri articoli di cronaca nera di oggi

UNO STRANO TRULLO, UN USATO PER NIENTE SICURO, UN’ ODIOSA TRUFFA E TUTTE LE ALTRE DI CRONACA

GIOVANE NIGERIANO ASSASSINATO A BRINDISI

Category: Cronaca

Lascia un commento