LA CORTE COSTITUZIONALE DICE CHE I DIVIETI PER I MAGISTRATI DI FARE POLITICA SONO LEGITTIMI, ORA AL PROCESSO DEL CSM BUTTA MALE PER MICHELE EMILIANO

| 4 luglio 2018 | 0 Comments

(g.p.)_______Ci hanno messo quasi un anno, ma ora il responso è arrivato. Contrario a Michele Emiliano.

Il processo a carico del presidente della Regione Puglia, nonchè assessore alla Sanità, nonché  esponente nazionale del Partito Democratico, in corso davanti al Consiglio Superiore della Magistratura era stato sospeso lo scorso 28 luglio: i giudici di autogoverno chiamati a giudicarlo avevano inviato gli atti alla Corte Costituzionale, chiamata a sua volta a valutare se la norma, contenuta nella legge sull’ordinamento giudiziario, che prevede come illecito disciplinare l’iscrizione di un magistrato, anche se fuori ruolo, ad un partito politico, sia conforme o meno ai principi costituzionali.

Oggi la decisione della Consulta. Sono infondate le censure al divieto di iscrizione o partecipazione sistematica e continuativa dei magistrati ai partiti politici: sono “non fondate le questioni di legittimità costituzionale riguardanti l’illecito disciplinare che vieta l’iscrizione o la partecipazione sistematica e continuativa dei magistrati a partiti politici”.

Ora dopo aver perso, o nell’ ottica dei difensori guadagnato tempo, siamo già a quasi due anni dall’ avvio, l’ iter giudiziario può riprendere e forse il Consiglio Superiore della Magistratura emetterà il verdetto.______

LA RICERCA nel nostro articolo del 28 luglio scorso, contenente anche il link utile a risalire a tutti gli altri sulla questione; e in primis la nostra domanda di fondo, del 9 novembre 2016, rimasta senza risposta, per cui il vero problema è quando e perché Michele Emiliano entrò in politica______

UNA DOMANDA PER MICHELE EMILIANO: “Presidente, ma come e perchè nel 2003 lei lasciò la magistratura, e decise di entrare in politica?”. CI FACCIA CAPIRE, PER FAVORE

INVECE DELLA DECISONE, DAL CSM ALLA CONSULTA GLI ATTI DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE CONTRO EMILIANO

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento