banner ad
banner ad

SI RINGRAZIA LA REGIONE PUGLIA… / AGGIORNAMENTO / L’ UFFICIO STAMPA DEL CONSIGLIO REGIONALE SI RIFIUTA DI FORNIRE I NOMI DEI VENTISETTE CONSIGLIERI CHE HANNO VOTATO A FAVORE DELLA MOZIONE. NELL’ INVITO A DENUNCIARE, OLTRE BEPPE GRILLO, ‘SEGNALATA’ ANCHE LA COLLEGA GIORNALISTA PETRA RESKI

| 11 luglio 2018 | 0 Comments

(g.p.)______Aggiornamento da ieri sera. Questa mattina siamo riusciti in una cosa, e non in un’  altra, di quello che ci proponevamo.

Abbiamo finalmente il testo della mozione approvata ieri a Bari. Eccolo qui di seguito. Come si evince, viene ‘segnalata’ amche la collega giornalista Petra Reski (nella foto).

 

MOZIONE

Premesso

  • che in data 2 luglio 2018 il sig. Giuseppe Piero Grillo (detto Beppe), Garante del Movimento 5 Stelle, pubblicava sulle sue pagine facebook e twitter la seguente dichiarazione: <<La xylella fastidiosa è una gigantesca bufale. Il senatore Saberio De Bonis (M5S) proprio in questi giorni ha presentato una proposta di legge per chiedere una Commissione parlamentare di inchiesta sul tema. Se il governo la prenderà in considerazioni ne vedremo delle belle e dopo anni di bufalite, finalmente, speriamo di avere un po’ di chiarezza su ciò che è stato l’affaire xylella. Condividete!>>;

  • che alla suddetta dichiarazione era allegato un articolo di Petra Reski, pubblicato sul blog di Beppe Grillo, dal titolo “La bufalite della Xylella”;

  • che dette dichiarazioni e l’allegato articolo potrebbero integrare la fattispecie del reato di pericolo previsto e punito dall’art. 656 del Codice penale, in quanto idonee alla diffusione di “notizie false, esagerate e tendenziose” in grado di turbare l’ordine pubblico;

  • che gli effetti di tale condotta riverberano un incalcolabile danno d’immagine ed economico a carico della Regione Puglia, perché attinenti alla lotta contro la più grave patologia vegetale degli ultimi decenni – peraltro a carico dei suoi più originali elementi paesaggistici e produttivi – e al suo difficilissimo lavoro di contenimento;

Visto l’articolo 61 del Regolamento interno del Consiglio regionale;

IL CONSIGLIO REGIONALE

conferisce indirizzo al Presidente della Giunta regionale, previa verifica della sussistenza degli elementi oggettivi e soggettivi del reato di cui all’artt. 656 del Codice penale, di esporre i fatti in premessa alla competente Procura della Repubblica e con le modalità previste dalla legge, e di costituirsi parte civile nell’eventuale instaurando procedimento.

Fabiano Amati, Donato Pentassuglia, Ernesto Abaterusso, Ruggiero Mennea, Francesca Franzoso, Renato Perrini, Mauro Vizzino, Giuseppe Turco, Sergio Blasi

***

Non siamo riusciti invece ad avere i nominativi dei ventisette consiglieri che hanno votato a favore.

Ieri sera, avevamo fatto richiesta formale in tal senso, anche via mail.

Non avendo avuto risposta, questa mattina abbiamo chiesto lumi, sempre telefonicamente, all’ Ufficio Stampa del Consiglio.

La risposta è stata che valutano la notizia richiesta “non rilevante giornalisticamente” e si sono rifiutati di rispondere.______

LA RICERCA nel nostro articolo di ieri sera

SI RINGRAZIA LA REGIONE PUGLIA PER AVERCI FORNITO I SICARI DELLA LIBERTA’ / INAUDITO! IL PARTITO UNICO DEGLI XYLELLISTI PD, LIBERI (SIC) E UGUALI, FORZA ITALIA, DIREZIONE ITALIA E FRATELLI D’ITALIA VOTA IN CONSIGLIO UN ORDINE DEL GIORNO LIBERTICIDA CONTRO I DIRITTI DI STAMPA E DI ESPRESSIONE SANCITI DALLA COSTITUZIONE

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad