banner ad

Ritorni subito a casa, cazzo! …E IL M5S ESPELLE DE FALCO. ALTRI TRE ‘DISSIDENTI’ ESPULSI. ‘RICHIAMATO’ IL SENATORE PUGLIESE CIAMPOLILLO, CHE NON HA VOTATO LA FIDUCIA

| 31 dicembre 2018 | 0 Comments

(g.p.)______

Pochi minuti fa il Blog delle Stelle, sito ufficiale del Movimento 5 Stelle, ha pubblicato la seguente comunicazione:

“Gli iscritti al MoVimento 5 Stelle possono essere sottoposti a sanzioni disciplinari per il venir meno dei requisiti di iscrizione e per la violazione dei doveri stabiliti dallo Statuto e dal Codice Etico.
Le sanzioni disciplinari applicabili sono: il richiamo, la sospensione, l’espulsione.

A fronte di comportamenti contrari alle norme dello Statuto e del Codice Etico, accettato e condiviso da eletti ed iscritti, il Collegio dei Probiviri ha preso le seguenti decisioni nei confronti di

– Gregorio De Falco: Espulsione (reiterate violazioni art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico)
– Saverio De Bonis: Espulsione (violazione art. 11 Statuto; art. 6 c. 4, Cod. Etico)
– Giulia Moi: Espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto; art. 3 Cod. Etico)
– Marco Valli: Espulsione (violazione art. 11, lettera m, Statuto)
– Lello Ciampolillo: Richiamo (violazione art. 11 Statuto; art. 3 Cod. Etico)

Nei confronti di Matteo Mantero e di Virginia La Mura i procedimenti disciplinari sono stati archiviati.

Nei confronti di Elena Fattori e Paola Nugnes i procedimenti disciplinari sono ancora pendenti.

Le motivazioni dei singoli provvedimenti disciplinari sono state inviate ai diretti interessati.

Queste decisioni sono atte a tutelare la comunità del Movimento 5 stelle, che si riconosce nei suoi valori e nel rispetto delle regole”.______

Nelle scorse settimane, Gregorio De Falco (nella foto), 53 anni, di Napoli, ufficiale della Marina Militare, diventato famoso il 13 gennaio 2012 quando, da capo sezione operativa della Capitaneria di porto di Livorno, intimò a Francesco Schettino, comandante della Costa Concordia lasciata naufragare, di tornare subito a bordo, in un concitato audio rimasto nell’ immaginario collettivo (“Ritorni subito a bordo, cazzo!”), quest’anno candidato ed eletto al Senato della Repubblica nelle liste del Movimento 5 Stelle alle ultime elezioni politiche, aveva così commentato le voci di una sua imminente espulsione:

“Sono coerente, non dissidente…La base è con me…Io difendo l’ambiente che è una delle stelle”.

Per ora ‘solo’ richiamato il senatore Lello Ciampolillo, 46 anni, di Bari, che nelle votazioni sulla fiducia posta dal governo sulla legge di bilancio una settimana fa non ha partecipato al voto, in aperto contrasto con l’emendamento di Dario Stefano sugli abbattimenti degli ulivi fatto proprio dalla maggioranza.

Espulso invece il senatore lucano Saverio De Bonis, imprenditore agricolo, anch’ egli critico a proposito del voltafaccia del M5S sul fronte dell’ affaire Xylella, e sulle battaglie ambientali.

Gli altri due espulsi, Giulia Moi e Marco Valli, sono invece deputati al parlamento europeo.

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad