banner ad
banner ad

DALL’ABRUZZO SCOSSE DI TERREMOTO SUL GOVERNO

| 11 febbraio 2019 | 0 Comments

(g.p.)______Si è votato ieri in Abruzzo, per il rinnovo del Consiglio Regionale. Erano state anticipate di qualche mese in seguito alle dimissioni del presidente il 9 agosto scorso.

Si è votato fino alle 23 di ieri. Lo spoglio è terminato da poco, intorno a mezzogiorno, anche se i risultati erano stati ben presto chiari, nel loro divenire.

Ha votato poco più di un Abruzzese su due degli aventi diritto, la percentuale, in forte calo, si è fermata al 53% , oltre 8 punti in meno.

Ha vinto il centro destra, che si presentava nella vecchia versione, Lega compresa. Il loro candidato Marco Marsilio (nella foto), già senatore, è il nuovo presidente della Regione Abruzzo: ha preso il 48%, quindi senza storia sugli altri candidati.

Quello del centro sinistra si è fermato al 31%, quello del Movimento 5 Stelle al 20%.

Interessanti i risultati dei singoli partiti: la Lega è al 27,5%, Forza Italia al 9%, Fratelli d’Italia al 6,5%; il Pd al 11%; il M5S al 19,7%.

Sono risultati ancora più ecltanti se paragonati a quelli delle ‘politiche’ di undici mesi fa: il M5S praticamente ne esce dimezzato, la Lega raddoppiata.

Fratelli d’Italia è sempre più o meno sempre là, nonostante esprimesse il candidato della coalizione, Forza Italia non crolla, ma esce fortemente ridimensionata; il Pd in ulteriore calo.

Ripercussioni a Roma inevitabili. Il premier Giuseppe Conte dice che non cambia nulla, Matteo Salvini che nn ci saranno rimpasti o alri aggiustamenti, ma è chiaro che i nuovi rapporti di forza che escono da queste elezioni abruzzesi infliuranno sulle prossime mosse politiche.

Per quanto parziali, sono però indicative, le confermano nei fatti, delle tendenze in atto, di cui si ragionava prima solo in teoria, e che potrebbero provocare, anche a breve, clamorosi sviluppi.

Molte e diverse, diametralmente opposte, sono le tentazioni che già si agitano nelle menti di questo o quello, dagli esiti imprevedibili.

 

 

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento

banner ad
banner ad