banner ad

SE QUESTO È UN UOMO

| 23 aprile 2019 | 0 Comments

 

di Maria Antonietta Vacca______

Gianfranco Vissani, più che chef, più che cuoco come ama definirsi, ormai solo unsedicente Vip, ospite della trasmissione radiofonica della Rai “Un giorno da Pecora”, si è lasciato andare ad una descrizione dettagliata su come “uccidere” un agnello.

Eviteremo, per scelte editoriali, di riportare in questa sede i dettagli macabri delle modalità  illustrate dal Vissani con un tono, a lui connaturato, di arroganza, oltre che sprezzante nei confronti di esseri viventi e nei confronti di chi hai scelto di vivere ed alimentarsi senza la necessità di “uccidere”.

Dettagli, però, che purtroppo sono rimasti qua e là per il web.

Ovviamente, si tratta di un argomento molto delicato e con implicazioni etiche e morali di un certo spessore, per cui non entriamo nel merito delle scelte e degli orientamenti personali, ma la raccapricciante esposizione di Vissani riteniamo sia condannabile a prescindere.

Animale racchiude una parola che dovrebbe farci riflettere, “anima”. Aldilà della necessità, imprescindibile per taluni, di alimentarsi e quindi chiudere il naturale ciclo dell’allevamento e della pastorizia, non si può eliminare dalla coscienza il fatto che parliamo di esseri viventi.

Infine proviamo a citate un pensiero a caso: “Se l’uomo cerca di progredire verso il bene deve partire dall’abolire un’azione contraria alla morale come l’assassinio animale”, Lev Tolstoj.

Infine, c’è da registrare il fatto che a nome della sua associazione vegana Daniela Martani lo ha denunciato alla Polizia: “Sabato sera ho depositato personalmente una denuncia al commissariato di Roma Prati nei confronti di Gianfranco Vissani dopo aver ascoltato quella ignobile intervista in cui godeva nello spiegare come uccidere un agnello. Trovo vergognoso che un’emittente radio della RAI pagata con i nostri soldi del canone, che ricordiamo deve fornire un servizio pubblico, abbia mandato in onda un intervento così disgustoso. Chiediamo dei seri provvedimenti immediati”. 

Maltrattamenti e violenze contro gli animali del resto sono reati penali. Ci auguriamo che quanto prima Gianfranco Vissani sia chiamato a risponderne davanti ad un giudice.

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad