banner ad
banner ad

LA REALTA’ HA PIU’ FANTASIA DI NOI. PURE DI PAOLO VILLAGGIO. LA CELEBRE SCENA DEL VARO DELLA NAVE AZIENDALE DE “IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI” RIVIVE DAL VERO A PISA. CON TANTO DI ‘Vadi, vadi…’ INIZIALE RIVOLTO AL LANCIATORE DI BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE

| 11 maggio 2019 | 0 Comments

(g.p.)______No, va beh, da non credere, eppure è vero. No, dai, d’accordo, non c’era la Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare. Non era la nave aziendale, da varare. Però peggio. O, da un altro punto di vista, meglio.

L’incaricato dell’inaugurazione era il sindaco di Pisa Michele Conti, della Lega. Questa mattina, fascia tricolore a tracolla, dalla banchina delle autorità (nella foto), doveva buttare una bottiglia di champagne,  appesa ad un filo, come d’uso nella tradizione marinara, quindi della città, antica Repubblica Marinara, sul molo di un canale navigabile appena aperto nel centro, in collegamento con il fiume Arno e il  porto di Livorno, per infrangerla sulla struttura.

“Vado?”, chiede il primo cittadino serbelloniano agli astanti. “Vadi, vadi“, non ci posso credere, gli rispondono quelli.

Sembra facile…

Il primo tentativo va clamorosamente a vuoto, la bottiglia rimane integra, pur schiantata sul cemento, e torna indietro.

Già questo bastava e avanzava per una colossale figura di emme.

Ma c’era ancora spazio per un secondo tentativo, e che diamine! Però il risultato è analogo, niente champagne, niente vetri, la bottiglia ritorna indietro sempre appesa, integra, al suo filo, verso il lanciatore.

A questo punto, fra le autorità astanti, prende in mano la situazione l’on. Edoardo Ziello, sempre della Lega, che si improvvisa capo – varo, e dà consigli pratici al sindaco suo sottoposto, su come impugnarla per bene, e su come lanciarla con forza.

Intensi secondi di prove e di preparativi.

Risultato? Non solo la bottiglia ritorna indietro integra, anche al terzo tentativo, ma questa volta colpisce con violenza ad una coscia, pericolosamente vicina alle parti intime, il maldestro inauguratore, che accusa il colpo e non batte ciglio.

Da scompisciarsi dalle risate.

Di tutto l’edificante episodio sta circolando in rete un breve video WhatsApp, che, appunto, in queste ore, sta facendo scompisciare gli Italiani.

Migliaia di emoticon divertiti, centinaia di commenti esilaranti. Al momento, manca ancora quello di Matteo Salvini, di solito così assiduo dei social. Altro che dimissioni del sottosegretario Armando Siri…Attenti a quei due, dovrebbero dimettersi immediatamente, o, in alternativa, il loro capo dovrebbe cacciarli via subito e a pedate nel didietro.

Comunque sia, questo video costerà alla Lega, alla sua presunta affidabilità, più di una battaglia politica perduta.

 

 

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad