banner ad
banner ad

A LECCE E A GALLIPOLI UNA DOMENICA DI BELLEZZA, ALLA (RI) SCOPERTA DI CORTILI E DI PALAZZI ANTICHI. ECCO QUALI, IN UN ELENCO DETTAGLIATO DELLE MERAVIGLIE CHE SARA’ POSSIBILE VISITARE GRATUITAMENTE

| 17 maggio 2019 | 0 Comments

di Carmen Leo______

La Città di Lecce aderisce anche quest’anno, per la venticinquesima volta, alla manifestazione denominata “Cortili Aperti”, che si svolgerà domenica 19 maggio dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 21.00.
In questa edizione ventisette palazzi si sveleranno lungo un percorso storico-culturale, che si snoderà lungo queste tappe fondamentali: Casa a Corte in Via Vittorio de Prioli n. 48 – Casa a corte Protonobilissimo (oggi Bortone) in Vico dei Protonobilissimi n. 8 – Chiesa di San Leucio in Via Francesco Antonio D’Amelio n. 5 – Chiesa Santa Maria della Nova in Via Idomeneo n. 6 – Convitto Palmieri in Piazzetta Carducci – Dimora Muratore (denominata ‘Villa Rosaria’) in Via Luigi Scarambone n. 36 – Istituto di Cultura e Lingue Marcelline in Viale Otranto n. 67 – Palazzo Adorno in Via Umberto I n. 32 – Palazzo Andretta in Via Arcivescovo Petronelli n. 18 – Palazzo Bernardini in Via Marco Basseo n. 25 – Palazzo Brunetti in Via Guglielmo Paladini n. 14 – Palazzo Carrozzini in Via Giambattista del Tufo n. 20 – Palazzo Chillino in Via Principi di Savoia n. 4 – Palazzo del Seminario in Piazza Duomo – Palazzo Ferrante Gravili in Via Giuseppe Libertini n. 54 – Palazzo Gorgoni (oggi Marati) in Via Idomeneo n. 36 – Palazzo Grassi in Via dei Perroni n. 12 (nella foto) – Palazzo Guido in Via Conte Gaufrido n. 3 – Palazzo Lecciso in Via Palazzo dei Conti di Lecce n. 6 – Palazzo Maremonte in Via Principi di Savoia n. 67 – Palazzo Morisco d’Arpe in Via Palazzo dei Conti di Lecce n. 4 – Palazzo Palmieri in Via Giuseppe Palmieri n. 42 – Palazzo Palombi in Via Vittorio Emanuele II n. 29 – Palazzo Personé in Via Umberto I n. 7 – Palazzo Spada in Via Giuseppe Palmieri n. 4 – Palazzo Tamborino in Via Guglielmo Paladini n. 50 – Palazzo Tinelli in Via Leonardo Prato n. 32.

Le locations sopracitate saranno anche animate da alcuni momenti musicali a cura degli allievi del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, insieme con altri musicisti, artisti e ballerini del panorama leccese.

Il consolidato sodalizio con le scuole continuerà a dare i suoi frutti con il coinvolgimento degli allievi di vari istituti della città, che proporranno visite guidate in italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco, oltre ad adoperarsi per fare accoglienza ai visitatori all’interno dei cortili.

 

Lo stesso avverrà, per la prima volta, a Gallipoli, e precisamente: Corte Anime, Corte De Amicis, Corte Sant’Antonio, Corte Gallo, Corte Rocci, Largo Occhilupo, Corte San Giuseppe, Corte di Palazzo Balsamo, Palazzo Senape, Palazzo del Capitolo, Palazzo Pirelli, Ex Antica Farmacia Provenzano, Palazzo Rasca Raymondo, Palazzo Zacheo, Dimora Storica Briganti.

 

Insomma, a Lecce e a Gallipoli sarà una domenica di bellezza: si potranno ammirare, in tali differenti contesti e con occhi estasiati, le meraviglie architettoniche delle case, palazzi e corti già citate che riveleranno, come di consueto in questo periodo, la loro segreta bellezza, fatta di giardini sapientemente ordinati e coltivati con piante verdi e fiorite, volte affrescate e stucchi, portali scolpiti con leggiadra maestria nella pregiata e candida pietra locale.

Volti dell’arte barocca questi, celati per il resto dell’anno entro i massicci e austeri portoni che si susseguono nelle vie cittadine.

Le più fervide espressioni del talento di artisti locali raccontano la storia e le tradizioni del popolo salentino, la sua estrema generosità nel condividere, anche se per una sola giornata l’anno, il proprio privato patrimonio con chi ne sa apprezzare il valore intrinseco, reso manifesto da queste lodevoli iniziative, volte a rendere fruibile al vasto pubblico l’arte pura.

Category: Cronaca, Cultura, Eventi

Lascia un commento

banner ad
banner ad