banner ad

EVENTI DI STUDIO SU ERNESTO DE MARTINO

| 13 agosto 2019 | 0 Comments

(Rdl)_______Dal 14 agosto, la casa editrice Kurumuny, con la direzione scientifica di Maurizio Agamennone e Luigi Chiriatti,  ha progettato un viaggio a ritroso lungo le tracce di Ernesto de Martino nel Salento, fra immagini, visioni, performance e un convegno di studi internazionale.

Come è noto, tra il giugno e il luglio del 1959, la mitica spedizione tra Nardò, Galatina e Muro Leccese consegnò alla storia della conoscenza le tradizioni antiche di un territorio, il Salento, e il mistero profondo del fenomeno del tarantismo.

 

La pubblicazione del saggio che ne scaturì, “La terra del rimorso” (Il Saggiatore, Milano 1961), segnò uno spartiacque tra il prima e il dopo degli studi sul tarantismo.

Ne sono state generate, nel tempo, numerose piste di ricerca e riflessione scientifica sulle relazioni tra la musica e il trattamento del disagio e della sofferenza, la musica e gli stati di alterazione di coscienza in contesti rituali e cerimoniali, la musica e l’esperienza religiosa, ma anche un esuberante “discorso pubblico” sui recenti processi di patrimonializzazione di esperienze, saperi e beni immateriali quali la musica e la danza, sulla costruzione di possibili identità locali, che ha pure alimentato istanze sociali e politiche complesse.

Il progetto demartino60 intende mantenere viva la conoscenza degli studi demartiniani e divulgarne il patrimonio attraverso linguaggi trasversali, che sappiano porsi in dialogo con l’oggi. Le attività cominciano il 14 agosto e comprendono:

• una mostra itinerante di immagini, suoni e visioni sul tarantismo a Galatina;

• una performance teatrale di Paolo Apolito e Stefano De Matteis, che attraverso un’immersione del contesto sociale del tempo racconterà la mitica spedizione dell’estate del ’59;

• una serata di proiezioni di documentari e filmati.

Inoltre, è in via di definizione il programma di un convegno internazionale di studi, A sessanta anni dalla “mitica estate” del 1959, sulle tracce di Ernesto de Martino e Diego Carpitella: musica, transe, danza, terapia e religione, che si terrà ad aprile 2020 e si configura come un incontro di studiosi e artisti, a diverso titolo impegnati intorno alle tematiche di ascendenza demartiniana e ai relativi sviluppi.

Ecco il programma completo delle attività in calendario nei prossimi giorni.

Mostra
Il luogo del culto, Galatina, San Paolo; tarantismo e dintorni

Dal 14 al 22 agosto

Galatina, la cappella di San Paolo e lo spazio antistante, rappresentano il luogo di svolgimento del rito, la meta dove per decenni tarantate e, più recentemente, anche studiosi del fenomeno e semplici curiosi si sono dati appuntamento per celebrare e osservare il rituale magico-religioso del tarantismo. Questa mostra multimediale restituisce gli scatti di fotografi professionisti e non, che nel corso di un cinquantennio hanno varcato la soglia del luogo del culto. Le fotografie sono di Chiara Samugheo, Paolo Longo, Paolo Albanese e Paola Chiari, Salvatore Congedo, Carmelo Caroppo, Fernando Ladiana, Luigi Chiriatti. Sarà proposta un’istallazione di video-arte di Fernando Bevilacqua: un percorso immersivo attraverso un montaggio serrato di immagini, frammenti video e audio, frutto di ricerche etnografiche condotte sul campo, che porterà lo spettatore direttamente nel paesaggio visivo-sonoro del tarantismo.

La mostra itinerante seguirà le tappe del Festival “La Notte della Taranta”: dal 14 al 16 agosto sarà ospitata nel Chiostro della biblioteca Bernardini di Lecce, dal 17 al 20 agosto nel Convento delle Clarisse di Galatina, il 21 agosto nel Palazzo comunale di Sternatia, il 22 agosto nei Giardini del duca di Martano. L’orario di visita è dalle 18.30 alle 22.30.

 

Racconto di un libro La terra del rimostro di Ernesto de Martino

con Paolo Apolito e Stefano De Matteis

17 agosto, Convento delle Clarisse di Galatina, ore 20

In un’atmosfera politica, sociale e culturale lontanissima da quella odierna, Ernesto de Martino decideva di intraprendere una “spedizione” in Salento, per una ricerca sul campo concernente il tarantismo. La spedizione si poneva il duplice compito di elaborare un’immagine plausibile, scientificamente fondata, del tarantismo e al tempo stesso di contribuire a un’analisi rigorosa e politicamente consapevole delle condizioni del Sud dopo la fine della dittatura fascista, la conclusione della Seconda guerra mondiale, e l’avvio di un nuovo assetto democratico e repubblicano. L’immagine che ne è venuta fuori si è imposta all’attenzione degli studiosi nazionali e internazionali, ma poi anche dell’opinione pubblica colta e infine del tessuto sociale salentino.

Non è l’unica immagine possibile del tarantismo, com’è ovvio per qualunque fenomeno sociale assunto in una narrazione scientifica, ma senza dubbio è la più forte, autorevole e ampiamente condivisibile ancora oggi, come mostra la lunga permanenza del volume La Terra del Rimorso nell’attenzione di quanti cercano di comprendere la storia del Sud e il fenomeno del tarantismo in particolare. La performance a due voci cerca di restituire innanzitutto quell’atmosfera con gli strumenti dell’antropologia culturale e del teatro oratorio.

 

 

Visioni Filmati e documentari sul tarantismo

21 agosto, Palazzo comunale di Sternatia, ore 20

In una lunga serata di approfondimento, verranno proiettati alcuni tra i filmati e i documentari più celebri e importanti sul fenomeno del tarantismo: Meloterpia del tarantismo di Diego Carpitella (1960), La taranta di Gianfranco Mingozzi (1962), Immagini del tarantismo di Benito Dispoto (1962), Morso d’amore di Annabella Miscuglio e Luigi Chiriatti (1981).

 

Convegno di studi internazionale

A sessanta anni dalla “mitica estate” del 1959, sulle tracce di Ernesto de Martino e Diego Carpitella: musica, transe, danza, terapia e religione

3 e 4 aprile 2020, Auditorium Museo Sigismondo Castromediano Lecce; Ex Convento degli Agostiniani, Melpignano._______

 

Documenti fotografici di Paolo Longo e Luigi Chiriatti.

mail: info@demartino60.it

tel. 329988639 _______

LA RICERCA nel nostro articolo del 4 giugno scorso

CONOSCIAMO MEGLIO DE MARTINO. ERNESTO. TORNIAMO A STUDIARE, TORNIAMO A LEGGERE LIBRI, PER NON PERDERE LA MEMORIA STORICA

 

 

 

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento

banner ad
banner ad