IL LECCE / LA PARTITA / RINASCIMENTO A CORTE ESTENSE

| 26 settembre 2019 | 0 Comments

(Rdl)______Non avevano ancora pareggiato, nelle precedenti quattro partite, con una vittoria e tre sconfitte per entrambe, e non hanno pareggiato nemmeno nello scontro diretto, che quasi tutti avevano definito ‘per la salvezza’, come se fossimo ad aprile, e non a settembre, che ragionamenti, per giunta vagamente iettatori.

Al ‘Mazza’ di Ferrara, quinta giornata, turno infrasettimanale, la notte sorride al Lecce, che passa 1 a 3, fa gioco, si dimostra intraprendente e propositivo, pure brillante e lucido, contro una Spal apparsa meno incisiva e senza quella reattività che le aveva chiesto il suo allenatore.

Mancosu determinante nell’esecuzione impeccabile di due calci di rigore, giusti, ineccepibili, anzi, diciamolo subito, quindi senza regali o discussioni, dati dall’arbitro senza nemmeno ricorrere al Var.

Gioia commovente di Calderoni, per il suo primo gol in serie A, che gli va attribuito per intero, nonostante la  deviazione di un difensore; il calcio, per fortuna, è ancora bello, quando regala emozioni come questa.

Bello anche, chirurgico, il gol del momentaneo pareggio, nel primo tempo, dei padroni di casa, che trafigge un Gabriel che è apparso comunque di partita in partita più sicuro, anche se la difesa continua a prendere troppi gol.

Falco sempre un passo avanti, determinante.

Poi nella ripresa il Lecce ha dimostrato sul campo di meritare una vittoria buona come il pane, per la classifica, certo, ma soprattutto per il morale, per la convinzione, per la felicità dei tifosi giallorossi, presenti in trasferta, in duemila,  anche a Ferrara, e per tutti quelli che, dappertutto, con la solita trepidazione, hanno seguito la partita in tv, o nei racconti sincopati delle dirette televisive, radiofoniche e internet

 

SPAL: Berisha, Cionek, Missiroli, Floccari, Murgia, Reca (77′ Valoti), Kurtic, Vicari, Felipe (54′ Igor), Di Francesco (57′ Strefezza), Petagna.

A disposizione: Thiam, Letica, Valdifiori, Valoti, Moncini, Sala, Tomovic, Paloschi, Canistrà, Jankovic.

Allenatore: Leonrdo Semplici

 

Lecce: Gabriel, Petriccione, Lucioni, Mancosu, Falco (84′ La Mantia), Rossettini, Tabanelli, Calderoni, Rispoli, Babacar (68′ Shakhov), Majer (74′ Imbula).

A disposizione: Vigorito, Riccardi, Vera, Benzar, Dumancic, Meccariello, Dubickas, Gallo, Lo Faso.

Allenatore: Fabio Liverani

 

Marcatori: 11’Mancosu (r); 18’Di Francesco; 47’Calderoni, 73′ Mancosu (r)

Ammoniti: 6’Babacar, 35’Calderoni, 70′ Igor,

 

Spettatori: 13.292

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze.

Category: Sport

Lascia un commento