LECCE, BEL GIOCO E SPERANZE PER UNA SALVEZZA POSSIBILE

| 10 ottobre 2019 | 0 Comments

Il Lecce ha cominciato questo campionato in maniera eccelsa, sotto vari punti di vista. Soprattutto in rapporto all’ostico calendario avuto, il percorso dei giallorossi non può che ritenersi soddisfacente. In sette giornate ha affrontato all’esordio l’Inter in quel di San Siro, facendo bella figura nonostante l’ampio passivo, sia dal punto di vista del gioco che di qualche buona individualità. Poi sono arrivati al Via del Mare il Napoli e la Roma, squadre attrezzatissime a cui la squadra i Liverani ha saputo in qualche modo creare ostacoli, soprattutto con i giallorossi.

Infine, il passaggio a vuoto in quel di Bergamo lo scorso weekend.

Nel ruolino di marcia fin qui avuto, l’unico vero rimpianto è dato dalla seconda giornata e a quella sfida salvezza casalinga contro il Verona, terminata a favore degli scaligeri e che potrebbe essere pesante in ottica classifica e scontri diretti. Poi sei punti, con soprattutto la vittoria in casa del Torino a fare la differenza: un successo di prestigio, forza e carattere, a cui è poi seguita la nuova affermazione in trasferta contro la Spal, capace tra le mura amiche di battere squadre come Lazio e Parma. Un successo tondo e che rappresenta senza dubbio l’opera migliore sin qui realizzata dai salentini nelle prime sette partite di Serie A.

Le quote scommesse proposte da Bwin danno la salvezza del Lecce a 2.05, la possibile retrocessione in Serie B è invece data a 1.75. Cresce la quota retrocessione del Brescia, pagata a 3 grazie alle buone prestazioni di Corini e i suoi ragazzi, mentre il Verona gode di una quota retrocessione più bassa dei salentini, a 1.65, nonostante la vittoria nello scontro diretto del Via del Mare, nella seconda giornata di campionato.

Una categoria che il Lecce può mantenere, sia per quello che ha dimostrato sino ad oggi, che per un potenziale ancora inespresso. È in particolar modo il grosso potenziale offensivo a dover e poter crescere, con un contributo realizzativo decisamente migliore rispetto a quello sin qui espresso. Gente come Babacar, Farias e la scoperta ad alti livelli di Falco possono garantire quel plus in una categoria così competitiva, senza dimenticare un Lapadula che dopo Pescara e la parentesi felice al Milan è ancora in cerca di riscatto.

Un Lecce che sta trovando certezze in porta, con l’ottimo Gabriel, mentre tra difesa e centrocampo deve ancora trovare il giusto equilibrio tra reparti e i giusti interpreti ai quali affidarsi nell’ampia rosa a disposizione di Liverani. La classifica sin qui è positiva, il Lecce ha 6 punti insieme ad altre tre squadre, con una peggiore differenza reti generale ma ad esempio, rispetto alla Spal, gode ad oggi di un vantaggio negli scontri diretti che certamente tornerà utile quando la classifica si dilaterà e rispecchierà maggiormente i vari valori di forza. Un Lecce che può vantare uno dei migliori attacchi, per quanto concerne la parte bassa della classifica, ma deve decisamente migliorare nel numero di gol presi, sebbene 8 siano arrivati in due sole partite, contro colossi come Napoli ed Inter.

Category: Sport

Lascia un commento

banner ad
banner ad