banner ad

“Trallalà”, IL NUOVO LIBRO DI SIMONA TOMA. UN’INCURSIONE NEL MAGICO MONDO DELL’INFANZIA, GIOCATA TUTTA QUANTA SUL FILO DELLA MEMORIA, IN CUI LA SCRITTRICE LECCESE DA’ IL MEGLIO DI SE’

| 11 ottobre 2019 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Il più recente scritto di Simona Toma (nella foto) è ‘Trallalà’, edito da Giunti, nella collana Colibrì (euro 8,90), con le belle illustrazioni di Roberta Terracchio.

Definito come ‘letteratura per l’infanzia’, è l’ennesima dimostrazione che non si tratta di un libro ‘per ‘ l’infanzia, ma di una narrazione che ha come argomento l’infanzia e come protagonisti soprattutto i bambini. Del resto, la maggior parte della ‘letteratura per l’infanzia’, nella nostra realtà è tutto fuorché destinata ai più piccoli lettori…

Stavolta, in un grande e sentito momento di nostalgia e ricordi, la Toma scrive le ricordanze delle estati trascorse a Torre Chianca, la spiaggia a due passi da Lecce, nella casa del nonno, con i cuginetti. Ed è proprio la figura dell’anziano, che è alle prese con il morbo di Alzheimer, ad essere la protagonista della narrazione che scorre veloce e avvincente, quasi in punta di penna, riuscendo ad affascinare e a farsi prediligere più che in altre narrazioni…

La ‘banda del cono palla’ è composta da quattro cuginetti che restano incantati dalle storie che il nonno non manca mai di raccontare: racconti di vita vissuta ma anche meravigliose fantasie senza tempo. Un giorno, però, i bambini apprendono dai ‘grandi’ che il nonno ha una malattia, fa sempre più fatica a ricordare le cose. Ecco, allora, che nasce una nuova, commuovente avventura, che li aiuterà ad affrontare il distacco con dolcezza e fantasia.

Simona Toma, in questo scritto, dà il meglio di sé, sfiorando i delicati tasti del ricordo, dell’innocenza, del desiderio di rimanere bambini perché il mondo dei più piccolo è sempre pieno di sorprese… E, di contro, la realtà degli adulti è grigia e irta di ostacoli, priva dei colori brillanti e delle magiche presenze che sono solo nel mondo dell’infanzia. In questo, certo, il libro può incanalarsi nel forzato inserimento della ‘letteratura che ha l’infanzia come soggetto’. Ma, ripetiamo, questo testo è per tutti, soprattutto per chi, ormai non più giovanissimo, è a contatto con i nipoti giovanissimi che si aspettano da lui, ancora, descrizioni e favole in abbondanza.

L’autrice si trova a suo agio in questa narrazione chiaramente autobiografica, dimostrando tutta la sua capacità affabulativa, anche nel trattare temi difficili e delicati come la malattia, l’anzianità e il rapporto con le nuovissime generazioni. Da segnalare alcune geniali intuizioni come, ad esempio, quella che riguarda le parole che non vanno pronunciate, perché apportatrici di dolore e disagio… Una connotazione tipicamente legata all’infanzia, periodo magico del quale abbiamo dimenticato tutto, o quasi.

Ma basta pronunciare Trallalà perché si torni a rivivere tra le pieghe del passato, nel colorato mondo dei nostri primi anni.

Category: Cultura, Libri

Lascia un commento

banner ad
banner ad