banner ad

“Dilapidata”, POESIA INEDITA SCRITTA SULL’ ATTUALITA’

| 15 ottobre 2019 | 0 Comments

di Donato Di Poce______

DILAPIDATA

Per Hevrin Khalaf

Come la Storia, come la bellezza, come la vita

Ti hanno dilapidata, violentata e lasciata a terra

Tra le pietre insanguinate della tua dolcezza.

Come un fiore invisibile ti hanno calpestata

Perché sbocciavi tra i rovi della violenza

E portavi la parola alle tue sorelle

Dilapidate nel silenzio dei media.

Eri un esempio troppo fulgido e troppo bello

Per la loro grettezza e cultura da branco

Per questo hanno scelto te.

Le tue parole di pace che hai seminato

Rinasceranno in ogni pietra e in ogni pozza di silenzio

Che la Storia impone ai vinti.

Gli Eurocrati tacciono sulla tua morte

Per vergogna, per codardia, per interessi economici

Per non contraddire i Galli impazziti che governano il mondo

E costruiscono nuovi muri.

Le tigri dell’Eurasia che seminano complotti

Gli stronzetti che galleggiano qua e là in

Europa

Al calduccio dei loro egoismi

E delle loro certezze nazionaliste.

Solo il cuore del mondo batte con il tuo

E scuote nel profondo le coscienze degli ultimi

Dei popoli invisibili che muoiono nel

Mediterraneo

In cerca di una vita oltre l’inferno

O nelle madri costrette nel deserto

A nidificare figli per nuove guerre.

Noi costruiremo un mondo futuro

Dove i popoli non avranno confini

Le Donne saranno libere di sognare

E tu sarai la nostra Regina per sempre. 

______

Donato Di Poce (nella foto) nasce a Sora nel 1958. Poeta, critico d’ arte, scrittore di aforismi e fotografo, vive e lavora a Milano. Fra i suoi libri, nel 2013 la raccolta poetica”Labirinto d’ amore”, Lietocolle editore e, per iQdB edizioni, inaugurando la collana “Z”, diretta da Nicola Vacca, dell’editore Stefano Donno, “Lampi di verità”.

 

Category: Cultura

Lascia un commento

banner ad
banner ad