banner ad

IL LECCE / IL PREPARTITA / UNA SCALA A PIOLI

| 19 ottobre 2019 | 0 Comments

(Rdl)______Le luci a San Siro su Milan-Lecce, di domenica 20 ottobre, ore 20.45. Attesi più di cinquantamila spettatori, con buna rappresentanza, più di tremila, di tifosi giallorossi.

Padroni di casa che vengono, prima della sosta del campionato, dalla rocambolesca vittoria a Genova contro il Genoa che non è bastata a salvare Marco Giampaolo, sostituito in panchina da Stefano Pioli (nella foto).

Il nuovo allenatore ha parlato per la prima volta alla vigilia di una partita alla guida dei Rossoneri questo pomeriggio, nel centro sportivo di Milanello,  e lo ha fatto a lungo. Ecco una sintesi delle sue tante dichiarazioni: “Ho trovato giocatori attenti e curiosi. Gli atteggiamenti sono quelli giusti, vedo intensità, curiosità e tanta voglia di fare bene. Il clima è propositivo. In allenamento mi stanno dando tutto. Ho chiesto loro tanto, ma non siamo stati molto sul campo. In questo momento hanno un carico mentale elevato. Mi aspetto una partita brillante sotto ogni aspetto. Dopo la partita potrò dare anche io giudizi più precisi. Un giocatore nel Milan deve dare il massimo a prescindere.

Di cavalli ne abbiamo, e bisogna sprigionarli. Dobbiamo far sì che la nostra prestazione sia la migliore possibile. Far bene per noi stessi, per il nostro club e i tifosi. Sappiamo qual è la classifica e se pensiamo di non meritarla è il momento giusto per cambiarla.

La cosa importante è vedere l’atteggiamento e l’approccio giusto. Una squadra che va in campo e supera i momenti difficili con compattezza e coesione che cerchi di mettere in pratica il lavoro settimanale che non è stato un grande lavoro per il tempo a disposizione.

A nessun giocatore ho chiesto cos’ha funzionato e cosa no. Da domani inizia un nuovo percorso che ci deve vedere protagonisti sul campo. Sarà la prestazione di domani a determinare il mio lavoro futuro. Capirò le qualità dei giocatori, tecniche tattiche e mentali. So che ne hanno di buonissime.
In dieci giorni delle idee di gioco e posizioni in campo ci devono essere e ci saranno. I miei giocatori non dovranno essere preoccupati di essere perfetti. Dobbiamo darlo per scontato che non saremo precisi nei movimenti. Proprio per questo dovremo avere un atteggiamento di generosità e determinazione elevato.
Le uniche vittorie del Lecce sono arrivate in trasferta, è ben allenata e servirà un’ottima prestazione. La mia squadra spero mi stupisca domani sera”.

Più parco Fabio Liverani, che ha parlato a Lecce prima della partenza della squadra per Milano:

Le convocazioni in Nazionale sono servite a qualche mio giocatore, ad altri meno, visto che non hanno trovato spazio e, magari, questi giorni sarebbero serviti di più ad allenarsi con la squadra.

Credo che anche il mio collega del Milan avrà avuto le mie stesse problematiche.

Domani il Milan andrà affrontato con umiltà, coraggio, attenzione e personalità. Nei novanta minuti ci saranno dei momenti in cui soffrire ed altri in cui dovremo essere bravi a fare soffrire loro.

Se avremo la forza ed il coraggio di difenderci ed attaccare creando dei problemi, solo così potremo raggiungere un risultato positivo. Non credo che solo difendendoti si riesca a fare punti. Il mio è un gruppo molto intelligente e sensibile. Possiamo anche perdere come successo con Inter e Roma ma non possiamo farlo, invece, come a Bergamo, dove non mi è piaciuto l’atteggiamento“.

Category: Sport

Lascia un commento

banner ad
banner ad