E’ MORTO NELLA ‘SUA’ CAVALLINO GAETANO GORGONI

| 13 maggio 2020 | 6 Comments

(Rdl)______E’ morto ieri sera nella ‘sua’ Cavallino Gaetano Gorgoni, detto ‘don Ninì’, politico ‘di lungo corso’  e protagonista della vita politica salentina sotto l’egida del Partito Repubblicano Italiano di Ugo La Malfa, e poi del figlio Giorgio, nella così detta Prima Repubblica.

Aveva 87 anni.

Avvocato, prima consigliere comunale, anche a Lecce, e poi provinciale, fu eletto alla Camera dei Deputati nel 1983, e rieletto per altre due volte di seguito.

E’ stato sottosegretario ai Lavori Pubblici nel primo e nel secondo governo di Bettino Craxi, dal 1983 al 1987; poi sottosegretario alla Difesa nei seguenti governi, di Giovanni Goria, e di Ciriaco De Mita.

Con l’avvento della così detta Seconda Repubblica, si ritirò in pratica nel suo ‘feudo’ di Cavallino, di cui è stato prima sindaco, e poi, dopo il secondo mandato, dal 2011, vicesindaco.

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Graziano De Tuglie ha detto:

    Militante nel MSI sul finire degli anni 50 dopo insuccesso elettorale alle politiche 1963, insuccesso comune a Pino Leccisi,passò al PRI diventando assessore provinciale alla caccia per più lustri.

  2. Raffaele Fitto - tramite mail ha detto:

    Con la scomparsa di Nini Gorgoni la politica salentina perde un riferimento importante, un uomo delle Istituzioni.

    Una vita politica che lo ha visto per molti anni con ruoli di grande prestigio a livello nazionale in Parlamento e nel governo e successivamente caratterizzata dal suo impegno di amministratore locale e dal grande amore per la sua Cavallino.
    Da sindaco ha cambiato il volto del suo Comune facendolo diventare uno dei centri più importanti della provincia di Lecce.
    Per questo mi addolora ancor di più non poter essere in questi momenti vicino alla moglie, a Bruno ed ai familiari, anche per un antico e reciproco rapporto di stima ed affetto personale e familiare mai venuto meno negli anni. Questa drammatica situazione che viviamo non ci consente di poterlo salutare come avrebbe meritato. Ma, appena possibile, sarà giusto e doveroso farlo.

  3. Carlo Salvemini - tramite mail ha detto:

    Sono vicino alla famiglia dell’onorevole Gaetano Gorgoni in questo momento di dolore e alla comunità di Cavallino, che piange la scomparsa di un uomo pubblico che ha dedicato impegno, passione, capacità politiche e amministrative alla sua terra.

    La biografia politica dell’onorevole Gorgoni ci mette di fronte alla scomparsa di un protagonista assoluto della vita politica salentina e pugliese. Tra i tanti e prestigiosi incarichi istituzionali da lui ricoperti, mi piace sottolineare quello di consigliere comunale a Lecce, un impegno al quale approdò dopo essere stato parlamentare e sottosegretario di Governo, considerando, evidentemente, l’impegno nelle istituzioni locali e la prossimità al territorio d’origine meritevole della massima considerazione.

    Sta in questa attenzione al territorio, alla propria gente, al consenso della propria comunità, prima che ai fasti della carriera politica, la misura della eredità di Gaetano Gorgoni e della generazione politica della quale egli è stato degno rappresentante, alla quale ogni amministratore del presente guarda con rispetto.

  4. Paolo Perrone - tramite mail ha detto:

    Gorgoni è stato, senza dubbio, uno dei punti di riferimento per la mia generazione politica in Puglia e nel Salento.
    Ho sempre apprezzato la passione e la dedizione con cui ha interpretato il suo impegno nelle istituzioni locali e nazionali, ricambiato da un consenso elettorale personale sempre molto ampio. Ho avuto modo di conoscerlo meglio negli anni in cui sono stato vicesindaco e poi sindaco di Lecce e lui guidava l’amministrazione di Cavallino.
    Una figura di grande esperienza, sempre lucida, con cui era facile collaborare e da cui tutti abbiamo imparato qualcosa. Ai familiari e alla comunità di Cavallino il mio pensiero affettuoso in questo momento doloroso”.

  5. Paolo Pellegrino - tramite mail ha detto:

    Un amministratore e un politico di lungo corso, che ha sempre difeso strenuamente le ragioni del Sud e della sua terra. Con la scomparsa dell’onorevole Gaetano Gorgoni la Puglia e il Salento perdono un pezzo importante della storia repubblicana. Un uomo che ha saputo, in ogni sede, portare avanti le istanze delle comunità con passione civica e con l’alto senso delle istituzioni.
    Con Ninì ho avuto l’onore di vivere stagioni politiche dedicate e di aver sempre riscontrato in lui saggezza e signorilità.
    Come Italia in Comune esprimiamo il nostro più sentito cordoglio alla sua famiglia e a tutte le comunità nelle quali Gorgoni ha svolto l’incarico di consigliere comunale e di sindaco.

  6. Wojtek Pankiewicz - tramite mail ha detto:

    Uomo politico illuminato e dotato di capacità fuori dal comune.
    “Valori e Rinnovamento” esprime sincera commozione e tristezza e profondo cordoglio e si stringe intorno alla famiglia Gorgoni e a tutto la comunità di Cavallino. Tra l’altro, Gorgoni fece di Cavallino una delle capitali italiane della cultura. E noi di VeR realizzammo a Cavallino diversi importanti eventi culturali. Indimenticabile nel 2015 “Tito Schipa for children” in un Teatro Il Ducale gremito, in occasione del 50° della morte del grande tenore leccese.

Lascia un commento