CUCCIOLO DI VOLPE, NOVITÀ NELLE INDAGINI

| 11 giugno 2020 | 0 Comments

di Maria Antonietta Vacca_______ Non si fermano le indagini per trovare i responsabili dell’orribile gesto che ha fatto inorridire il Salento nelle ultime ore.

Il Maggiore Tommasi del Nucleo Forestale dei Carabinieri – che ringraziamo per la disponibilità – ci conferma che c’è una indagine in corso, sulla base di una denuncia ancora contro ignoti, per il rinvenimento della testa di un cucciolo di volpe, ritrovata al centro di un incrocio nel territorio di Melendugno.

Ovviamente sono state scattate dai militari fotografie del rinvenimento, che giustamente non sono state diffuse per la pubblicazione, in quanto testimonianze di particolare violenza.

I resti rinvenuti sono stati fatti esaminare dal Museo di Storia Naturale di Calimera. Gli esami sulla povera testolina hanno confermato un taglio netto e ciò, insieme al fatto che la stessa è stata posizionata al centro di un incrocio, fa supporre con una certa sicurezza che si sia trattato di un gesto volontario. Macabro e violento.

La nostra redazione continuerà a seguire l’accaduto e l’evolversi delle indagini, sperando nell’individuazione dei responsabili e in una conseguente pena esemplare che funga da deterrente per altri gesti simili.______

La ricerca nel nostro articolo di questa mattina

POVERO CUCCIOLO DI VOLPE…MA SI PUO’…?!?

 

Category: Cronaca

Lascia un commento