ROBERTO TUNDO HA SCRITTO LA STORIA DELLA SUA MELISSANO

| 2 luglio 2020 | 0 Comments

VIENE DALL’ELABORAZIONE DEL PASSATO UN RINNOVATO IMPEGNO PER IL FUTURO MIGLIORE

di Giuseppe Puppo______

Oggi a  Melissano non ci sono più le sezioni, o i circoli dei partiti politici”, scrive, mi pare di cogliere con una qualche vena di sacrosanta malinconia, Roberto Tundo, (nella foto) sul finire di questo suo nuovo lavoro editoriale, “Melissano dal dopoguerra ad oggi visto da destra“, appena uscito per i tipi della 5  Emme di Tuglie (208 pagg. s.i.p.).

Dove il termine’destra’ era ed è solo un’etichetta di comodo, da cui andare oltre.

Già autore, qualche anno fa, di una iconografica  raccolta “Le storie della destra salentina”, adesso l’autore focalizza l’obiettivo sul suo paese di origine, usando sempre lo stesso metodo di collage, di foto, articoli di giornale, riferimenti e citazioni.

Ne viene fuori una lettura veloce quanto piacevole, e soprattutto, per chi tiene ancora e sente  dentro di sé certi valori, appassionata e appassionante.

Un’ autobiografia in prima persona, capace di elevarsi dall’esperienza privata, ad una dato oggettivo, di importanza pubblica.

Il personale è politico, no?

Dicevano e dicevamo pure noi così, da ragazzi.

Roberto Tundo sa, per antica, antica nel senso di nobile, scuola, poi, che le radici non gelano, sì, proprio come ama ripetere. Sono là che ci sostengono,  solide, quando affondano nel terreno della passione, nello studio, nella preparazione, nell’elaborazione culturale, dell’attivismo quotidiano, nella dedizione, nell’onestà intellettuale. Possono resistere alla Cernobyl culturale degli ultimi decenni, all’omologazione materialistica sopravvenuta, pure al pensiero del partito unico con dinamica autoritaria del mainstream attuale che vorrebbero imporci.

E rifiorire, trovare nuovi sbocchi e farci fare ulteriori acquisizioni ideali, per noi stessi, per la nostra Comunità.

La sua, quella di Melissano, di cui egli ripercorre qui, come detto, la Storia, da quando al referendum istituzionale in quel paese il Re prese il 90% dei consensi, passando ad un sindaco che sembrava dovesse fare il sindaco a vita, una specie di Ceausescu in salsa salentina, fino a quando di recente, travolto fra l’altro dal dissesto economico provocato, ha lasciato il posto ad una nuova amministrazione.

Melissano è un paese bellissimo, le palme allineate all’uscita dalla Statale, come sanno essere belli i paesi del nostro Salento, di stradine che volano con la tramontana d’inverno, e respirano a fatica con lo scirocco d’estate, di case caratteristiche e di villette, di spazi verdi e di periferie solitarie, di suoni e di profumi, con le loro tradizioni, le loro attività, a pochi chilometri dal mare, i loro rapporti ancora a dimensione umana.

Un paese che stava morendo lentamente, giorno dopo giorno, perché lentamente muore chi non rovescia il tavolo, per la mancanza di entusiasmo, con le sezioni dei tifosi delle squadre di calcio di serie A, e nemmeno del Lecce, dell’Inter, del Milan, della Juve, voglio dire, che hanno preso il posto di quelle mitiche sezioni dove Nietzesche e Marx si davano la mano, e ogni tanto, ma più spesso, almeno qui più che altrove, si davano pure qualche cazzotto.

Con tutto il rispetto, passare dal dibattere sulle tattiche di Lippi e Mourinho, anziché su quelle di  Berlinguer e Almirante, è stata una catastrofe.

Un paese che potrebbe essere la Città del Sole della cultura e dell’imprenditoria, che potrebbe vivere felice, di turismo, di pesca, di agricoltura, di terra e di mare, oltre che di Bellezze naturali, abbandonato invece al degrado, alla rassegnazione, al fatalismo, gli atavici mali al Sud del Sud dei Santi, e che solo da poco, rovesciato il tavolo, sta cercando invece di ripigliarsi, invertendo la china, per risalire a galla, per offrire ai giovani alternative concrete, alle facili quanto squallide derive dell’abbrutimento, che non siano l’emigrazione, o lo sfruttamento a vari livelli della criminalità più o meno organizzata.

I giovani, già. Ora che Roberto Tundo è diversamente giovane, può dare loro tantissimo, e all’intera Comunità salentina.

Ora che ha finito di scrivere memorie, scriva nuove pagine, di impegno e di passione, alla conquista di futuro.

Per il futuro, non per il passato.

Ragazzi, questo libro a tratti mette i brividi.

Roberto Tundo si impegnava a denunciare i pericoli dell’uso e dell’abuso della plastica, faccio solo questo esempio, piccolo, ma emblematico, desunto dalla mia lettura appena terminata, e organizzava teoria di contrasto e pratica di ripulitura in materia, mezzo secolo fa.

Quaranta, cinquanta anni fa, denunciava i pericoli della desertificazione del territorio, dico, oggi che il Salento è triste leader nazionale nel settore, tanto per capirci.

Faceva grafica, fotografia, editoria, musica, elaborazione culturale continua, perché aveva imparato che le teste è meglio riempirsele con i libri, anziché spaccarsele con le spranghe, o stonarsele di schifezze varie.

Esprimeva il disagio, ma pure l’agio di porsi contro.

Roberto Tundo stampava pure un giornale d’avanguardia, negli anni Ottanta, la Contea, si chiamava, nome mutuato da Tolkien, e così scriveva, allora: “Anche nel Salento, come nella Contea degli Hobbit, le Forze del Male cercano di sconvolgere il delicato e sereno equilibrio di questa nostra terra”.

Ahimè, discarica dopo discarica, trivella dopo trivella, Ilva dopo Cerano, gasdotto dopo gasdotto, pesticida dopo erbicida, ci stanno riuscendo.

Ma non è ancora detto.

Roberto Tundo sa – per antica scuola – che le idee sono importanti: le idee che mossero il mondo, sono capaci di muoverlo ancora, e sa pure che le idee camminano con le gambe degli uomini.

E’ tempo questo di ripigliare il cammino, su quella linea futura che egli sa, ha tracciato e può indicare, e così di tornare a combattere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Cultura, Libri, Politica

Lascia un commento