IN UN SALENTO MARTORIATO DA FUOCO E FUMO, ORA PIU’ CHE MAI: STOP FRODE XYLELLA! IL MINISTERO DELL’AMBIENTE DEFINISCE I REMPIANTI DANNOSI PER IL TERRITORIO. CONTINUANO I ROGHI DI ULIVI PER FAVORIRE LE SPECULAZIONI. LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE CHIEDONO L’INTERVENTO DELLA MAGISTRATURA

| 6 agosto 2020 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Angelo Gagliani ci manda il seguente comunicato per conto delle sotto elencate associazioni che lo firmano congiuntamente______

 

Il Ministero dell’Ambiente ha classificato le “misure per la competitività delle filiere agricole strategiche e per il rilancio del settore olivicolo nelle aree colpite da Xylella fastidiosa” (Legge 205/2017) come “sussidio ambientalmente dannoso” (SAD) poiché incentivano “un reimpianto con piante tolleranti al batterio che favorisce una riduzione di diversità di specie esponendo le stesse a nuove epidemie in futuro”.

IL DOCUMENTO E’ CONSULTABILE A QUESTO LINK

(www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/sviluppo_sostenibile/csa_terza_edizione_2018_dicembre_2019_1.pdf

 

Proprio in questi giorni invece la Regione Puglia ha approvato i criteri e le modalità di concessione dei contributi per 40 mln di euro  per il reimpianto di Leccino e Favolosa FS17 in zona infetta.

 

Chiediamo alla Procura di intervenire subito.

 

1.400 incendi da metà giugno, quasi 30 roghi al giorno, molti dei quali dolosi.

Ecco quanto si apprende dalla stampa mentre si continuano ancora a chiudere gli occhi sul problema reale del disseccamento che, lungi dall’essere strettamente correlato alla Xylella (come dimostrano i dati ufficiali dei monitoraggi e le pubblicazioni scientifiche del dottor Scortichini), è connesso alla salute del suolo e delle acque.

Un albero che presenta una chioma disseccata (anche completamente) non significa che sia morto e, comunque, dare fuoco a un ulivo è e rimane un reato.

Qualcuno sta pensando di liberare velocemente il suolo da destinarsi, con tutta probabilità, ad altri business, come il megafotovoltaico?

C’è il forte sospetto che questi incendi siano in parte legati allo sblocco dei finanziamenti per il reimpianto delle uniche due varietà consentite dalla legge, ovvero il Leccino (non autoctono e autosterile) e la FS-17 Favolosa (non autoctona e brevettata), adatte alla coltivazione superintensiva.

Proprio in questi giorni, infatti, si apprende del via libera ai finanziamenti anche, a quanto pare, per reimpianti in particelle con vincoli paesaggistici e ambientali, compresi i casi in cui non siano state ancora dimostrate l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie.

E benché c’è ancora chi sostiene che i nuovi impianti olivicoli superintensivi possano rappresentare una soluzione, sia sul piano

–          agronomico (anche se il Leccino non è resistente alla Xylella ed è soggetto a diverse forme di disseccamento causate da vari patogeni),

–          economico (anche se l’olio standardizzato è arrivato quest’anno ad essere venduto a 2,5 euro al chilo),

–          paesaggistico (facendo finta che i campi agro-industriali di ulivi disposti in maniera geometrica siano la stessa cosa delle campagne di ulivi plurisecolari e millenari)

–          ambientale (in questo caso è necessario ricordare che i giovani impianti intensivi e superintensivi richiedono enormi quantità di acqua ogni anno),

personaggi senza scrupoli distruggono (e permettono di distruggere) – impuniti – la nostra Terra, il nostro Territorio, il nostro Futuro. E, a quanto pare, il “rimedio” si rivela peggiore del male.

A questo punto e dopo tanti anni di mobilitazione, ci ritroviamo a lottare contro muri di gomma che non hanno reso possibile alcun confronto nel merito con chi – contrariamente a ogni evidenza scientifica ed empirica – sostiene che l’unica causa dei disseccamenti sia la Xylella e l’unico rimedio gli abbattimenti e i reimpianti, e ci chiediamo da che parte stiano le istituzioni.

Adesso che anche il Ministero dell’Ambiente conferma che i reimpianti di Leccino e Favolosa sono ambientalmente dannosi,

chiediamo pubblicamente alla Procura

di fermare quello che si configura sempre più come un vero e proprio ecocidio, a spese dell’ambiente, della cultura, della storia, del paesaggio e delle comunità locali.

 

Comitato per la Salvaguardia dell’Ambiente e del Territorio – Valle d’Itria

Associazione “Terra d’Egnazia”

Redazione studenti di Emergenzaclimatica.it

Movimento No TAP/SNAM della Provincia di Brindisi

WWF Brindisi

Casa del Popolo Torre Santa Susanna

Popolo degli Ulivi

Rete Legalità per il Clima

 

 

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento