DUPLICE DELITTO IERI SERA A LECCE: UCCISI A COLPI DI COLTELLO IN UN CONDOMINIO VICINO LA STAZIONE UN GIOVANE ARBITRO DI CALCIO E LA SUA COMPAGNA

| 22 settembre 2020 | 1 Comment

(e.l.)______Mentre la maggior parte dei Leccesi era attaccata al televisore, o navigava su internet,  per sapere chi avrebbe governato la loro Regione nei prossimi cinque anni, in un condominio  veniva compiuto un duplice omicidio.

I testimoni hanno raccontato di aver udito delle urla e visto un uomo con ancora in mano un coltello allontanarsi di corsa dal condominio in cui è avvenuto il tragico fatto di sangue.

Le due vittime sono state raggiunte da numerose coltellate. Il giovane, Daniele De Santis, di 33 anni, era un arbitro di calcio, e la giovane, Eleonora Manta, di 30 anni, era la sua compagna.

Il condominio in cui è avvenuto il fatto è quello in cui abitava l’uomo, nel quartiere Rudiae, nei pressi della stazione ferroviaria.
I cadaveri erano sulle scale del palazzo.
Secondo prime frammentarie informazioni, si sarebbero sentite delle urla e poi alcuni testimoni avrebbero visto fuggire un uomo con in coltello.

Daniele De Santis era conosciuto negli ambienti sportivi per essere un arbitro di calcio ed aver diretto in Lega Pro. Nel 2017 ha esordito in serie B col ruolo di quarto uomo in Pisa-Benevento.

La prima pista seguita a caldo dagli inquirenti è quella passionale. Le indagini sono ancora in pieno svolgimento.

Category: Cronaca

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. redazione ha detto:

    Dichiarazione di Francesco Ghirelli, Lega Pro di calcio:

    “Nessuna parola riesce a descrivere il dolore della Lega Pro, dei suoi vertici, dei club, dei giocatori e del nostro calcio per la prematura scomparsa dell’arbitro Daniele De Santis e della compagna Eleonora.
    Lo vogliamo ricordare con il sorriso di quando era in campo e per la sua grande passione per la Serie C, che considerava una famiglia.La violenza distrugge, la violenza ha strappato due giovani vite che nutrivano sogni e aspettative. La violenza è il nemico numero 1 da contrastare in ogni sua forma”.

Lascia un commento