LU PULITICANTE. Castigat ridendo mores

| 9 ottobre 2020 | 0 Comments

a cura di Valerio Melcore_______ Qualche giorno fa ho pubblicato una vecchia filastrocca che avevo scritto tanti anni fa firmandola Caporale Black, in omaggio al grande poeta dialettale cavallinese Giuseppe De Dominicis in arte Capitano Black e per i cultori della poesia vernacolare Capitanu Bracca. Una filastrocca mandata a memoria ma dopo tanti anni qualche verso mi era sfuggito. Ieri mi sono deciso a mettere un po’ d’ordine in una stanza che utilizzo come deposito, così il caso si è divertito a mettermi in mano il giornaletto che periodicamente pubblicavo dal titolo: “IL CAVALIERE – sottotitolato –  giornale a difesa del cittadino” datato maggio 1993. Siccome nella versione originale mi sembra più godibile ve la propongo, il titolo è emblematico di una classe politica di cui il Salento stenta a liberarsi.

 

LU PULITICANTE

 

Lu puliticante ete nnu tipu

allegru ca stae sempre ncazzatu,

percè ole se fazza bitere tranquillu

ma lu futte la paura cu bessa trombatu.

 

Po’ bessere tottore, avvocatu o becchinu,

po bessere nna cima oppure nnu cretinu.

 

Quandu è tiempu te elezioni

te face li comizi ca parenu sermoni

offre cafè e saluta nu picca tutti quanti,

e cu ci parla parla lu tratta cu li uanti.

 

Simpatico te facce, nteressusu, nteressatu,

te tutti se interessa puru cu essa votatu.

 

Sia ca stae all’opposizione

o ca stae alla maggioranza

lu pensieru ca lu futte

ete quiddrhu te la panza.

 

Se è all’opposizione tice: “l’Italia s’è rotta”,

ma lu pensieri sou è sempre la pagnotta.

 

Se stae alla maggioranza, poveru paise

se futte lu Comune e puru ci lu mise.

Insomma cari amici quistu è lu politicante

fatti nu de face, ma puttanate tante.

 

Morale te lu cuntu

 

Pe moi ca l’imu misu tocca ni lu cutimu

la prossima fiata pensamu a ci mentimu.

 

 

 

 

 

 

 

Category: Io la vedo così, Politica

Lascia un commento